Inter, rush finale Cina-California e un sogno di mercato sempre vivo

L’Inter si prepara all’ultima festa di una stagione vissuta sulle ali dell’entusiasmo, per i risultati raggiunti settimana dopo settimana e per l’obiettivo centrato nella maniera più incredibile e dolce.
La gara di San Siro contro la Lazio sarà l’occasione per accomiatarsi dal pubblico che statistiche alla mano è stato quello più presente e coinvolgente per tutta la stagione di serie A, prima di dare il là all’ennesima occasione per far esplodere l’entusiasmo sugli spalti e nello spogliatoio. Dopodiché si entrerà nella fase più delicata per la programmazione della prossima stagione, ovvero la deadline per l’accordo sul rifinanziamento del prestito da parte del fondo Oaktree. I dialoghi con l’altro fondo coinvolto, Pimco, procedono in maniera incessante per arrivare alla fumata bianca, con le evoluzioni che tutto ciò andrebbe a comportare. Partendo dalla questione rinnovi di contratto, sino ad arrivare al presumibile assalto agli obiettivi di mercato, anche al netto delle smentite. In questo senso il nome di Gudmundsson è da tenere in forte considerazione, per quella promessa di attesa strappata da Ausilio ormai un mese fa all’entourage del giocatore, e per le prospettive di inserimento di contropartite tecniche che potrebbero avvicinare la valutazione fissata dal Genoa per il suo gioiello più luminoso. Un gioco ad incastri, al quale l’Inter potrà partecipare attivamente solo dopo il 20 di maggio, a patto che sull’asse Cina-California arrivino buone notizie.

Impostazioni privacy