Tennis, è stato indimenticabile: nessuno come loro

Non è ancora terminata la prima settimana dell’Australian Open, ma quest’edizione ha già fatto segnare un incredibile nuovo record

Un Australian Open ricco di sorprese e colpi di scena. L’edizione 2024 sta regalando grandissime emozioni fin dai primi turni con incontri tiratissimi e dall’esito totalmente inaspettato. Sia in campo maschile che in quello femminile, infatti, si sono registrati alcuni risultati del tutto impronosticabili alla vigilia. Ma questo è il bello di uno slam ad inizio stagione: i top player non sono ancora al massimo della condizione e quindi c’è spazio per gli outsider per fare la storia.

Australian Open record storico
Incredibile quello che è successo all’Australian Open: tifosi scioccati (LaPresse) – sportitalia.it

Per quanto riguarda il tabellone maschile ancora tutte in corsa le quattro teste di serie. Ma se, al momento, Jannik Sinner e Carlos Alcaraz non hanno praticamente avuto alcun problema nei loro match, discorso diverso vale per Novak Djokovic che ha concesso un set nel primo turno contro il croato Prizmic e ha sofferto per tre set nel secondo con l’australiano Popyrin prima di battere Etcheverry. Ha sudato freddo invece Daniil Medvedev che ha dovuto rimontare due set al finlandese Ruusuvuori per accedere al terzo turno, terminando il suo match a notte fonda nella giornata di giovedì 18 gennaio.

Da segnalare la prematura uscita di scena di Holger Rune che ha ceduto clamorosamente contro il francese Cazaux (numero 122 del ranking), mentre Alexander Zverev e Stefanos Tsitsipas hanno vinto i loro incontri.

Tennis, clamorosa ultim’ora: è stato indimenticabile

Discorso diverso vale per le donne. Nel Wta le sorprese sono ancora maggiori, basti pensare che lo scorso anno ci sono state ben quattro vincitrici diverse nei quattro slam. E la sconfitta che ha fatto più rumore, in questa prima settimana, è sicuramente quella della numero 3 al mondo Elena Rybakina, andata ko inaspettatamente contro la russa Blinkova (numero 57 del ranking). Ma a fare notizia ancora più della sconfitta della kazaka c’è stato ben altro.

Rybakina-Blinkova record storico slam
Australian Open femminile: record storico (LaPresse) – sportitalia.it

La battaglia tra le due giocatrici, infatti, si è prolungata fino al tiebreak del terzo set. Come da regolamento, nell’ultimo decisivo parziale, c’è il supertiebreak, ossia per vincere bisogna totalizzare 10 punti e non 7. Ma il duello è andato molto per le lunghe, tanto da finire con il parziale incredibile di 22-20 per la russa.

Il match è entrato di diritto nella storia: si tratta, infatti, del tiebreak più lungo di sempre in uno slam. Polverizzato il precedente record da 38 punti verificatosi in due occasioni: Tsonga-Roddick sempre a Melbourne nel 2008 (20-18 per il francese) e Tsurenko-Bogdan a Wimbledon 2023 (20-18 per l’ucraina). Nei 42 punti giocati ci sono stati incredibili colpi di scena con nove match point per Blinkova e sei per Rybakina.