Lutto nel calcio italiano, muore uno dei volti più amati di sempre

Continua il periodo non facile per il calcio italiano. Un’altra grande bandiera ha lasciato tutti nello sconforto con il suo addio nei giorni scorsi

Una nuova perdita rende più tristi i tifosi: l’idolo di un top club è scomparso. Il cordoglio arrivato da ogni parte d’Italia conferma come sia stato una figura di riferimento per i suoi fan, e non solo.

Lutto nel calcio italiano, muore uno dei volti più amati di sempre
Nuova perdita per il calcio italiano (LaPresse) – sportitalia.it

Non è un periodo facile per i tifosi, che nelle scorse settimane hanno dovuto registrare il toccante addio a Gigi Riva, così come il cordoglio è arrivato anche per Kurt Hamrin, il centravanti svedese idolo di Firenze che è scomparso nei giorni scorsi.

Una nuova perdita ora addolora gli amanti del calcio italiano: l’addio allo storico difensore di un top club è stato un duro colpo per tutti. È stato già osservato un minuto di silenzio nell’ultimo match che ha chiuso la ventitreesima giornata in Serie A. Il silenzio del pubblico è stato particolarmente toccante per ricordare Giacomo Losi, ex capitano della Roma scomparso a 89 anni.

Addio a Losi, il ricordo commosso del mondo del calcio

Giacomo Losi è stato un autentico idolo dei giallorossi, una bandiera da prendere ad esempio grazie al suo stile e alla sua correttezza mostrata in campo. Arrivato nel 1953 nella Capitale rimase ben quindici stagioni in giallorosso: per anni è stato il recordman della Roma con le sue 386 presenze di cui 299 da capitano, prima ancora di essere superato poi in queste classifiche da De Rossi (che lo ha ricordato anche in conferenza stampa) e Totti. Losi è stato un gentleman nel calcio, basti pensare come l’unica sua ammonizione della carriera arrivò proprio nell’ultima gara disputata con la Roma.

Lutto nel calcio italiano, muore uno dei volti più amati di sempre
Losi è scomparso a 89 anni (ansa foto) – sportitalia.it

Giacomo Losi è stato inoltre omaggiato da tutto lo stadio Olimpico prima della vittoria interna dei giallorossi contro il Cagliari per 4-0. Era soprannominato “Core de Roma” e con i giallorossi conquistò due edizioni della Coppa Italia e una Coppa delle fiere. Il tutto avvenne in periodi nemmeno troppo felici per le sorti del club dal punto di vista economico.

Il cordoglio è stato unanime per ricordare il difensore che partecipò anche al mondiale del 1962 in Cile. Non fu quella un’esperienza fortunata per l’italia: Losi con la Nazionale ha collezionato solamente 11 presenze ma ha lasciato comunque il ricordo di un calciatore che dava l’anima in campo.

La sua figura morale è stata ricordata anche dal presidente della Figc, Gabriele Gravina. In un comunicato ufficiale pubblicato sul portale della federazione, ha ricordato la correttezza di Losi: “L’Italia del calcio ha perso un altro grande campione che ha dedicato la sua carriera ad una sola squadra, stabilendo un fortissimo legame con la città pur non essendovi nato. È stato un vero capitano che è entrato nel cuore di diverse generazioni di tifosi”.