Milan, vittoria che serve a poco. La priorità è un futuro da costruire

Il Milan travolge 5-1 il Cagliari in uno degli anticipi della 36esima giornata di Serie A. Una vittoria che serve a poco, pochissimo se non a mantenere il distacco da Bologna e Juventus. I rossoneri si stanno avvicinando a questa conclusione di stagione con più ombre che luci, e un futuro che per ora resta molto enigmatico, con l’allenatore che sarà che ancora non è stato scelto. I dubbi restano tanti, Pioli lo sa nonostante un buon feeling con l’attuale dirigenza.

L’allenatore rossonero, a Sky Sport al termine della partita, ha parlato così: “Se mi sono sentito solo in queste settimane? No. Ho un buonissimo rapporto con i miei dirigenti. L’ho avuto con Paolo e con Ricky che sono quelli che mi hanno portato al Milan, così come l’ho avuto quest’anno con tutti gli altri. Ho un buonissimo rapporto, siamo un grande club e c’è una grande aspettativa. Le critiche ci sono state, anche feroci ma fa parte di questo lavoro. O lo accetti o fai altro, io l’ho accettato e vado avanti cercando di aiutare la squadra a giocare il miglior calcio possibile. Qualche volte ci siamo riusciti ma sicuramente avrò sbagliato delle altre cose”.

Nelle prossime settimane il Milan dovrà programmare il proprio futuro, per tornare subito competitivi in campionato e per provare ad andare avanti il più possibile in Europa. Nuovo ciclo? Chissà, ma qualcosa sta per cambiare.

Impostazioni privacy