Juve, finalmente Fagioli: un nuovo inizio 7 mesi dopo la squalifica

Non si sarebbe mai immaginato una serata del genere Nicolò Fagioli, buttato nella mischia da Montero quando la Juventus era sotto 3-0 al Dall’Ara contro il Bologna. Una serata storta sembrava essere, poi i cambi del tecnico uruguaiano hanno portato la Vecchia Signora ad una rimonta epica: per la prima volta nella sua storia la Juventus non ha perso un match in Serie A dopo essere andata in svantaggio di almeno tre reti.

Nonostante un lunedì che stava per diventare il peggior incubo per i bianconeri, per Nicolò Fagioli è quasi quanto la festa della liberazione. Minuto 71, ultima sostituzione per Montero: fuori Rabiot, dentro il numero 44. Ansia, adrenalina a mille, pensieri, ricordi: è tempo di entrare in campo. Un ultimo respiro, poi il bacio di Pinsoglio e la corsa sul rettangolo verde. Per il classe 2001 è la settima presenza in questa Serie A.

L’ultima presenza in campionato risaliva al 1° ottobre 2023 contro l’Atalanta al Gewiss Stadium terminata 0-0 con il centrocampista tolto da Allegri al minuto 68. Un momento delicato con la Juventus che non gli ha mai fatto mancare il sostegno dopo la squalifica di 12 mesi di cui 7 da scontare nell’attività sportiva. Il club ha voluto comunque premiare il giovane mediano dandogli fiducia: lo scorso 14 novembre il rinnovo di contratto fino al 2028. Un chiaro segnale da parte del club nonostante il momento delicato…

Impostazioni privacy