MotoGP Misano, Bagnaia Patapumfete: Quartararo campione del mondo

412

Incredibile a Misano, dopo una gara praticamente perfetta che lo ha visto condurre dall’inizio alla fine al comando, Bagnaia cade sul più bello e Quartararo vince il titolo

motoGP Aragon Quartararo
Fabio Quartararo, un piazzamento che vale il titolo mondiale a Misano (Getty Images)

Una beffa davvero atroce. Nonostante una gomma hard che non aveva dato segnali di cedimento, nonostante una gara dominata dall’inizio alla fine, nonostante una vittoria che sembrava ormai scritta, Francesco ‘Pecco’ Bagnaia cade a cinque giri dalla fine e consegna il titolo mondiale a Fabio Quartararo.

MotoGP Misano, Quartararo. Campione

Una gara dominata quella di Bagnaia. Il pilota Ducati pare inarrestabile fin dalla prima curva quando si lancia dalla pole position e prende il comando con grande autorevolezza. Solo Marc Marquez alle sue spalle riesce a tenere il ritrmo. Ma anche l’ex campione del mondo si vede costretto a rallentare il ritmo perché Bagnaia è davvero incontenibile. Quartararo, costretto a partire da dietro dopo una qualificazione sofferta, insegue per evitare di perdere troppi punti nel saldo con Bagnaia. Cadono in molti: Petrucci e Mir, Lecuona Martin, e tutto lascia pensare a un finale di gloria per Bagnaia e per un’assegnazione del titolo ancora rinviato. E invece…

A poche curve dalla fine, cinque giri da completare, Bagnaia incredibilmente cade: nella stessa curva dove era caduto Miller la sua Ducati finisce malamente nella ghiaia.

LEGGI ANCHE > F1 GP USA qualifiche, Max Verstappen, pole position in extremis

Vince Marquez

Marc Marquez che lo seguiva a distanza di sicurezza deve solo amministrare e portare a casa una vittoria insperata davanti a Pol Espargaro e a un ottimo Enea Bastianini, che sale sul podio. Quartararo diventa campione senza nemmeno salire sul podio, quarto assoluto. Ma basta: perché i punti di vantaggio sono 68 e i due appuntamenti di Valencia e Portimao non possono bastare.

Per Quartararo è il primo titolo mondiale, sostanzialmente meritato nonostante qualche alto e basso, a 22 anni. Commovente la sua gioia al traguardo. Splendido anche l’omaggio della Ducati e di Bagnaia quando Quartararo torna ai box da campione del mondo, i primi tra gli avversari a complimentarsi con lui.

CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS DEL GRAN PREMIO DI MISANO DI MOTOGP