MotoGP, allarme Rosso: “L’anno prossimo sarà peggio”

Tra poco più di due mesi avrà inizio il mondiale di MotoGP 2024, un’edizione che vede ancora una volta favorita la Ducati campione in carica

Non c’è due senza tre. Francesco Bagnaia sogna di centrare il terzo titolo mondiale consecutivo in sella alla sua Ducati ufficiale. Il mondiale di MotoGP che avrà inizio a marzo in Qatar vede ancora una volta il centauro piemontese nei panni del grande favorito, soprattutto alla luce delle tante difficoltà incontrate dagli altri team che faticano a rimanere in scia alle moto di Borgo Panigale.

Ducati dominatrice
La Ducati rischia di dominare anche nel 2024 (LaPresse) – Sportitalia.it

L‘avversario più temibile per Bagnaia nel 2024 sarà quasi certamente Marc Marquez, che avendo proprio come obiettivo il ritorno a una competitività ad alti livelli ha deciso di lasciare la Honda dopo oltre dieci anni per accasarsi nel team Gresini che gli metterà a disposizione la velocissima Ducati Desmosedici.

È insomma un momento magico per la Rossa che dopo anni di bocconi amari sta raccogliendo i frutti di un lavoro attento e minuzioso iniziato qualche anno fa. Non tutti però sono contenti della nuova egemonia targata Borgo Panigale che in questi ultimi due anni ha lasciato le briciole ai team rivali. Anzi, tutto lascia credere che anche il 2024 diventerà una lunga cavalcata trionfale della scuderia emiliana.

A lanciare una sorta di grido d’allarme è Massimo Rivola, amministratore delegato di Aprilia Racing che nella scorsa stagione ha piazzato i suoi due piloti, Espargarò e Vinales, rispettivamente al sesto e al settimo posto della classifica mondiale. Rivola è convinto che il prossimo anno con otto Ducati in pista sarà impossibile o quasi per gli altri team riuscire a scalfirne l’egemonia.

MotoGP, la Ducati fa paura a tutti: “Così non c’è niente da fare”

Secondo Rivola, le cui dichiarazioni sono state riportate dal portale ‘Speedweek.com’, con Marquez in Ducati il prossimo titolo mondiale è di fatto già assegnato. “Il problema principale è che a partire da marzo prossimo le Ducati in pista saranno otto. Non voglio offendere nessuno, perché loro l’hanno fatto e noi no. Semplicemente non avrebbero dovuto essere autorizzati a farlo”.

Rivola contro la Ducati
L’amministratore delegato dell’Aprilia Massimo Rivola: l’annuncio (LaPresse) – Sportitalia.it

È esplicito in questo caso al Circus mondiale e agli organizzatori del mondiale di MotoGP. Prosegue poi il j’accuse di Rivola, che appare già rassegnato prima dell’inizio: “Non sto dicendo che non abbiano ragione. Ce l’hanno fatta, hanno investito molto, hanno fatto bene. Ma questo penalizza il mondiale e gli altri team“.