Verstappen, l’annuncio scuote la F1: “Meglio smettere”

Il campione olandese Max Verstappen è sicuro: ha diversi piani in mente in merito al suo futuro

La carriera di un pilota di Formula 1 è molto stressante. Se poi sei un vincente, un campione, abituato a garantire determinati risultati, la pressione aumenta ogni anno di più. Ne sa qualcosa Max Verstappen, tre volte campione del mondo, che nel 2023 ha dominato il mondiale vincendo 19 gare su 22 e confermando uno strapotere che, ormai, vige da tre anni consecutivi in Formula 1.

Ritiro Verstappen
Max Verstappen ha le idee chiare, ecco quando smetterà (ansafoto.it) sportitalia.it

In un’intervista a The Race, tuttavia, l’olandese ha parlato della sua carriera, senza nascondere progetti futuri e la volontà di ritirarsi in un determinato momento della sua vita.

“Affronterò la Formula 1 sempre allo stesso modo fino a quando non mi dirò che non posso più farlo. Se non sono al 100% del mio potenziale non mi diverto, e a quel punto è meglio smettere”, ha dichiarato Verstappen. In altre occasioni l’olandese ha già manifestato la volontà, in futuro, di correre anche delle gare endurance, magari con un team tutto suo. “24 Ore di LeMans? Sarebbe bello, non vedo l’ora che arrivi il futuro”, ha commentato.

Verstappen ha le idee chiare, ecco cosa pensa della Formula 1

Max Verstappen ha un contratto valido fino al 2028 con la Red Bull, dopodiché potrebbe decidere di smettere. Fino ad allora, però, è intenzionato ad onorare l’accordo con il team di Milton Keynes, anche perchè trae ancora divertimento dalla Formula 1.

Ritiro Verstappen
Il campione olandese ha il punto sulla sua carriera (ansafoto.it) sportitalia.it

“È ancora divertente, è tutto super professionale. Quando guido una GT3, non c’è quel livello di sofisticazione, anche se è comunque bello perchè un po’ tutto ‘vecchia scuola’. Certo, non ci sono così tante persone che lavoro nel team e non c’è così tanta possibilità di intervenire sulla macchina. A volte, però, è bello fare un passo indietro”, ha proseguito.

“La cosa che mi piace di più è la domenica. Le qualifiche sono divertenti, ma tutti possono fare un giro veloce. Abbiamo auto anche momenti di difficoltà e abaco dovuto prendere decisioni importanti come squadra. È stato difficile da gestire perchè sarebbe stato facile buttare via una gara per colpa della strategia, ma non è successo”, ha concluso Verstappen.

Parole importanti, quelle del campione del mondo, che ancora una volta dimostra di essere ancora affamato. Occhio, però perché se questa competitività dovesse svanire, Verstappen ha già dei piani per il futuro. Intanto la Red Bull se lo coccola e spera di poter continuare a vincere insieme.