Coppa Italia, via al programma dei quarti di finale

Comincia questa sera l’intenso programma infrasettimanale della Coppa Italia Frecciarossa. La Coppa nazionale è arrivata a poche battute dalla fine, da qui in poi ogni squadra dovrà giocare al massimo quattro gare per alzare il trofeo. La Coppa Italia 2023/24 ha salutato l’Inter bi-Campione in carica della competizione e capolista della Serie A. Sono invece rimaste in gara otto formazioni, la cui ambizione è chiaramente quella di vincere il trofeo.

Coppa Italia, le ultime otto superstiti

Dopo il turno degli ottavi di finale, la Coppa Italia va incontro al turno dei quarti di finale. Dalle quattro sfide in programma tra stasera e giovedì sera si giocheranno un posto nelle semifinali: Atalanta, Bologna, Fiorentina, Frosinone, Juventus, Lazio, Milan e Roma. Tra queste ci sono sette delle prime otto squadre della Serie A e ovviamente il Frosinone che nel precedente turno di Coppa Italia aveva strapazzato il Napoli 0-4.

Fiorentina-Bologna

Il programma dei quarti di finale della Coppa Italia inizia questa sera alle 21. Si parte dall’Artemio Franchi di Firenze, dove la Fiorentina di Vincenzo Italiano ospiterà il Bologna di Thiago Motta. Entrambe le squadre ambiscono a un posto nelle semifinali della coppa nazionale. I viola puntano a tornare in finale, dopo la sconfitta nell’ultimo atto dell’Olimpico lo scorso anno contro l’Inter. Il Bologna cerca di tornare alle semifinali che mancano nella storia dei felsinei addirittura dal 1998/99, quando in panchina sedeva Carlo Mazzone. Nel turno precedente, la Fiorentina aveva eliminato il Parma ai rigori, mentre il Bologna ha vinto ai supplementari in casa dell’Inter.

Lazio-Roma

Alle 18 di mercoledì, all’Olimpico, invece sarà tempo di derby di Roma. Una stracittadina di grande importanza perché vale un posto nelle ultime quattro contendenti alla vittoria finale del torneo. Lazio e Roma che, al momento, non brillano per risultati in campionato, sono comunque in ripresa. Tuttavia, un derby che vale un passaggio del turno in Coppa Italia vale tantissimo soprattutto per l’entusiasmo dei tifosi.

Si tratta del derby della Capitale più importante dalla finale del medesimo torneo del 2012/13. Sarri lo ha chiarito perfettamente dopo la vittoria contro l’Udinese: “Ci interessa il derby, non il passaggio del turno”. La vittoria equivarrebbe anche all’approdo alle semifinali, ma la frase del tecnico toscano rende bene l’idea del peso della sfida. Peso che certamente questa gara ha assunto anche in casa Roma.

Milan-Atalanta

Nella stessa giornata di mercoledì alle 21, il Milan a San Siro ospiterà l’Atalanta. Si tratta di una sfida molto interessanti per capire soprattutto i progressi dei rossoneri. La gara è una ripetizione della sfida  di inizio dicembre al Gewiss Stadium, quando i rossoneri persero 3-2 con il capolavoro di tacco di Luis Muriel. Da allora il Milan ha ripreso un buon passo, inciampando in un passo falso solo contro la Salernitana, pareggiando 2-2.
I rossoneri vengono da una serie molto positiva di risultati, così come in casa Atalanta. La Dea, però, è parsa non brillantissima dopo che era andata in vantaggio contro la Roma.

Juventus-Frosinone

Giovedì sera, alle 21, sarà l’ultima decisiva gara dei quarti di finale della Coppa Italia. All’Allianz Stadium si sfideranno due squadre agli antipodi: la Juventus è la squadra con il maggior numero di Coppa Italia della storia; mentre, il Frosinone è la squadra rivelazione di questa coppa nazionale dopo aver eliminato il Napoli 0-4.

Il Frosinone non attraversa un buon momento. I ciociari in Serie non trovano i tre punti dallo scorso 26 novembre e nelle ultime sei gare di campionato ha conquistato solamente un punto. Un punto in oltre un mese di campionato, mentre in Coppa Italia è arrivata l’unica vittoria di dicembre contro il Napoli. Dall’altra parte i bianconeri della Juventus, che arrivano dalle galvanizzanti vittorie contro la Salernitana: prima il 6-1 negli ottavi di finale della Coppa, poi l’1-2 in rimonta all’Arechi. Due vittorie che regalano ulteriori certezze alla Vecchia Signora, in continua crescita da mesi.