Il Milan ha preso un grande talento: “Che personalità!”

Un ex gloria rossonera non ha dubbi sul valore del giovane talento, già mostratosi più che pronto quando chiamato in causa

Quando si dice ‘Fare di necessità virtù’.  Un esercizio non per tutti, e che soprattutto non garantisce affatto dei risultati apprezzabili. Né a breve né a lungo termine. L’incredibile situazione relativa agli infortunati del Milan  – la rosa è stata letteralmente falcidiata dai problemi fisici che hanno colpito,  in un modo o nell’altro, oltre il 75% del parco giocatori – ha costretto il tecnico Stefano Pioli a reinventarsi ogni volta una formazione diversa da mandare in campo.

Giudizi lusinghieri sul nuovo volto del Milan
Il classe 2005 sta riscuotendo grandi consensi (LaPresse) – Sportitalia.it


Dapprima il problema si è presentato solo nel reparto difensivo, con le assenze di Kalulu e Marco Pellegrino, alle quali si sono successivamente aggiunte quelle di Thiaw e Tomori. Poi è stata la volta del centrocampo, con l’infortunio di Tommaso Pobega, la chiamata dell’Algeria per Ismael Bennacer – impegnato nella Coppa d’Africa – e la sostanziale fine del rapporto con Rade Krunic. Che, pur disponibile, ha chiesto la cessione abbandondando di fatto il ruolo di jolly comprimario che si era costruito negli anni.

Ecco che allora il tecnico parmigiano ha dovuto attingere a piene mani dalla Primavera di Ignazio Abate, chiamando addirittura al proscenio, nel match contro la Fiorentina del 26 novembre, Francesco Camarda, il classe 2008 che è diventato il più giovane giocatore ad aver esordito in Serie A.

La ‘cantera’ del Milan non ha però prodotto il solo enfant prodige di nemmeno 16 anni. Nel corso delle ultime settimane hanno fatto il loro esordio tra i grandi anche Chaka Traoré, Kevin Zeroli e soprattutto Alex Jimenez.

Mauro Tassotti non ha dubbi: “Buona impressione”

18 anni, terzino di piede destro che può giocare con profitto anche a sinistra  – dove infatti è stato schierato da Pioli sia in Coppa Italia contro il Cagliari che ad Empoli, da subentrato, in campionato – lo spagnolo ha destato un’ottima impressione.

Mauro Tassotti promuove Alex Jimenez
Alex Jimenez, arriva un’importante attestato di stima (LaPresse) – Sportitalia.it

Passato al Milan dal Real Madrid nel corso della scorsa estate, l’iberico può essere riscattato dai rossoneri per 5 milioni. Anche se le Merengues hanno mantenuto il ‘solito’ diritto di recompra fino al 2026.

Già accreditato di poter restare in futuro al Milan grazie ad uno sconto che il Real Madrid farebbe se il club rossonero si mostrasse aperto alla possibilità di cedere Theo Hernandez, il classe 2005 ha intanto incassato i complimenti di una leggenda dei meneghini. Un certo Mauro Tassotti che, non a caso, ha speso una carriera intera nel ruolo naturale di Jimenez. Quello di terzino destro.

Mi ha fatto una buona impressione. Ha personalità, sa giocare sia a destra che a sinistra“, ha dichiarato l’ex nazionale azzurro ai  microfoni de La Gazzetta dello Sport.