Napoli, dopo Traoré, Ngonge e Mazzocchi, ora serve il difensore centrale: nel mirino Theate

La difesa del Napoli, come noto, è il reparto che è rimasto più danneggiato dalla campagna trasferimento estiva a causa della mancata sostituzione di Kim Min-Jae. Ora, il Napoli e il presidente De Laurentiis vogliono correre ai ripari con l’acquisto di un centrale di piede mancino, e l’identikit sarebbe quello del belga Arthur Theate. Giovane, classe 2000, ex Bologna, sarebbe il profilo perfetto per via appunto dell’età e della pregressa esperienza in Serie A. Al momento, l’ex difensore dei rossoblù è in forza al Rennes, in Ligue1, che lo ha comprato nell’estate 2022 dai felsinei per circa 20 milioni di euro.

Napoli, Theate obiettivo principale per la difesa

Il Napoli, in questa finestra invernale di calciomercato, sta cercando di porre rimedio ad alcuni errori estivi. L’arrivo di Ngonge suona come una bocciatura dell’acquisto dí Lindstrøm. Tuttavia, il problema più importante rilevato in questi primi 5 mesi di stagione è stata assolutamente la permeabilità della difesa azzurra. L’addio di Kim è stato ampiamente sottovalutato, e nell’idea della società sarebbe bastato il solo Nathan, peraltro attualmente infortunato, per sostituirlo. Così, ovviamente, non è stato e oggi i Campioni d’Italia si trovano a dover inseguire un difensore centrale in una sessione in cui è davvero difficile acquistare calciatori.

L’obiettivo principale per tappare questo buco creatosi nella rosa è Arthur Theate, 23enne, difensore centrale mancino che il Napoli e la Serie A tutta hanno visto all’opera a Bologna nella stagione 2021/22. Theate, al momento, è un calciatore di proprietà del Rennes. Con la squadra rossonera francese ha fatto molto bene, confermando quanto di buono fatto in Italia. La società bretone ha speso quasi 20 milioni un anno e mezzo fa per strapparlo al Bologna e vorrebbe recuperare quell’investimento. La valutazione anche oggi si aggira intorno ai 20 milioni. Il Napoli punta ad chiudere per Theate a circa 18/19 milioni di euro. Per questo ha avviato da giorni i contatti per avere il giocatore.

Perché Theate?

Theate piace al Napoli per diversi motivi. Intanto, il belga ha 23 anni, per cui essendo un difensore centrale, la sua formazione calcistica è ancora in divenire. Theate è un giocatore duttile, sa giocare come centrosinistra sia in una difesa tre che in una difesa a quattro. Theate, dunque, sarebbe adattabile a diversi schieramenti tattici e quindi diversi allenatori, magari anche Conte in futuro.
Theate è abile in marcatura, forte nel gioco aereo e ha un buon piede. Abilità che fanno di lui un difensore pronto per la Serie A, come dimostrato col Bologna, e soprattutto moderno.

L’alternativa al centrale belga

Se Theate è la prima scelta per esperienza, tattica, tecnica ed età, il Napoli considera anche le alternative: la principale risponde al nome di Martinez Quarta della Fiorentina. Il difensore centrale argentino ha dimostrato ottime abilità, pur avendo ancora importanti lacune in marcatura. Soprattutto a causa di una piccola mancanza di concentrazione. L’argentino ex River Plate è la principale alternativa al centrale del Rennes e potrebbe costare anche qualche milione in meno.

Tuttavia, la penuria di difensori centrali nella rosa della Fiorentina potrebbe indurre i viola ad opporre molta resistenza ad una sua cessione. Intanto, il Napoli monitora la sua situazione, contemporaneamente a quella di Theate.