Inter-Juventus 1-0: i nerazzurri vincono e metto le mani sullo scudetto

La serata di San Siro incorona l’Inter di Simone Inzaghi, che vince lo scontro diretto con la Juventus e va in fuga. I nerazzurri dominano la gara e vincono con il minimo scarto, grazie anche e soprattutto a due straordinarie parate di Szczesny. La Juventus ci prova, ha anche l’occasione per andare in vantaggio, ma si dimostra ancora non pronta per fare il salto. E non potrebbe essere altrimenti per una squadra che sta sorprendendo tutti stando al secondo posto.

L’Inter spinge e segna, la Juventus riparte e spreca

L’Inter parte subito fortissimo, ma la Juventus regge l’urto, puntando sulla sua capacità di difendersi bassa. La prima occasione la ha Thuram, che trova l’opposizione di Gatti. La squadra nerazzurra crea grandi problemi soprattutto con la sua corsi sinistra dove Dimarco, Mkhitaryan e Bastoni mettono a ferro e fuoco la difesa della Juventus, in particolare un Cambiaso mai così in difficoltà.
Bremer deve poi evitare un gol di Thuram servito all grande da Dimarco, liberato da una stupenda apertura di un Calhanoglu padrone del centrocampo.

La Juventus poi comincia a tirare fuori la testa dal guscio. Vlahovic, su una incredibile ripartenza di McKennie, ha l’occasione del vantaggio, ma spreca con un brutto controllo. Nel momento migliore dei bianconeri, la squadra di Inzaghi colpisce. Dalla destra la palla filtra, Pavard liscia, Bremer inspiegabilmente lascia passare il pallone che arriva nella zona di Gatti e Thuram. Il francese non ci arriva, il pallone viene spinto in porta dal petto di Gatti. Con una piccola dose di fortuna l’Inter si porta avanti sull’1-0 nel finale della prima frazione.

Szczesny salva la Juve dall’imbarcata

Nel secondo tempo l’Inter parte di nuovo forte, ma la Juventus ugualmente riesce a reggere l’urto. Col passare dei minuto la partita si apre sempre di più. Sui continui cambi di fronte la squadra di Simone Inzaghi è più incisiva, mentre la Vecchia Signora arranca senza infastidire davvero i nerazzurri. Di fatto Sommer rimane inoperoso, e gioca perlopiù coi piedi.

Nella seconda parte del secondo tempo, l’Inter riesce prima a trovare Barella solo sul secondo palo che colpisce al volo a botta sicura, ma trova uno strepitoso Szczesny. Poi crea un’altra grande occasione per Arnautovic, subentrato a Thuram, che si fa parare ancora dal portiere polacco un colpo di piatto a botta sicura. La Juventus non va mai realmente vicina al pareggio e così l’Inter allunga a +4 con una partita da recuperare.
Ora per l’Inter inizia una lunga discesa verso lo Scudetto, che difficilmente potrà sfuggirle vista la differenza di valori in campo. Mentre in casa Juventus bisognerà ricostruire il morale e rientrare nell’ottica di dove conquistare il quarto posto, ora che l’inseguimento al 1° non è più un carburante sfruttabile. Primo obiettivo, tenere a bada il Milan che insegue.