Schumacher, frecciate agli ex compagni: il retroscena incredibile

L’esperienza in Formula Uno della famiglia Schumacher non è stata tutta rose e fiori. Con i colleghi attriti non indifferenti

Di scuderie ne hanno vissute parecchie in anni di Formula 1 i fratelli Schumacher che hanno avuto fortune decisamente differenti. Da un lato i sette titoli mondiali del grande Michael, dall’altro i tanti cambi di scuderie con poche soddisfazioni per Ralf. Quest’ultimo ha anche avuto, per sua stessa ammissione, problemi con diversi compagni di squadra. Uno soltanto si è salvato dall’invettiva del pilota tedesco: “Ero difficile per i miei compagni di squadra perché non volevo che si parlasse d’altro oltre al lavoro di messa a punto che dovevamo fare con gli ingegneri”, ha ammesso.

Schumacher si sbottona finalmente sul passato: "I miei compagni di squadra..."
L’ex pilota di Formula 1 si è confessato a cuore aperto sui compagni di squadra – sportitalia.it (fonte foto ANSA)

E non solo perché nell’intervista concessa di recente al podcast ‘Formula For Success’, ha svelato alcuni retroscena inediti su quegli anni: “Il compagno di squadra era sempre il primo a essere battuto. Eddie Jordan voleva il meglio dai piloti e anche Frank Williams voleva che lottassero tra loro per ottenere di più per la sua squadra”. Non sono mancati i rimpianti, uno su tutti gareggiare insieme al fratello.

Ralf Schumacher e gli anni in Formula 1: “Andavo d’accordo solo con…”

Undici anni vissuti tra alti e bassi in Formula 1 per Ralf Schumacher, che è passato dalla Jordan, alla Williams per approdare infine in Toyota, con cui ha chiuso definitivamente nel 2008. Tra i compagni di squadra che lo hanno affiancato impossibile non citare Giancarlo Fisichella, Alessandro Zanardi e Jarno Trulli. La scintilla con la maggior parte di loro non è mai scoccata, anzi. A rievocare quel periodo Ralf Schumacher non risparmia nessuno.

Ralf Schumacher al vetriolo contro tutti: "Si salva solo lui"
Ralf Schumacher parla dei compagni di squadra – sportitalia.it (fonte foto ANSA)

A dire la verità, però, qualcuno si è salvato nell’intervista che ha rilasciato al podcast Formula For Success: “Non mi piacevano i miei compagni di squadra, devo dire, tranne Jenson Button”. Come gli appassionati ben ricorderanno, l’inglese che poi si laureerà campione del mondo nel 2009, esordì proprio in Williams nel 2000 quando ai box c’era anche Schumacher. Non nega, inoltre, di avere qualche rimpianto.

In particolare soffre della mancata avventura insieme al fratello Michael: “Sarebbe stato fantastico ma non c’è mai stata l’opportunità. Uno di noi due poi avrebbe sempre perso. Non so se sarebbe stato un bene dal punto di vista del marketing o del rapporto tra fratelli”. Su un’eventuale rivalità ha sottolineato: “È sempre stato tutto molto aperto. Io sapevo cosa faceva lui, lui sapeva cosa facevo io”.