Milan, un finale scritto di una stagione amara. Ora spazio al futuro

Il Milan sta concludendo la sua stagione in maniera altalenante. La sconfitta esterna contro il Torino ha palesato ancora una volta tutte le difficoltà tattiche ed emotive della formazione rossonera, che dopo aver visto sfumare tutti gli obiettivi che avrebbero potuto cambiare questo finale di stagione, si è ormai arresa al proprio destino e non può far altro che iniziare a programmare la stagione che verrà. Senza Stefano Pioli, che nel post partita contro i granata ha parlato cosi: “Quest’anno abbiamo gestito una situazione non facile. Non ho parlato con nessun’altra squadra, ho troppo rispetto per quanto abbiamo fatto in questi anni. Ci penserò quando sarà il momento giusto, ora sono concentrato per questo finale”.

La società rossonera non può permettersi un’altra stagione del genere, nonostante sia arrivata la qualificazione alla prossima Champions League. La dirigenza spera di tornare presto competitiva sia in campionato, dove quest’anno la resa è arrivata molto presto, sia in Europa dove bisognerà avere un ruolo di prima classe. Serve però un progetto serio e concreto, perché i grandi risultati non arrivano mai per caso.

Impostazioni privacy