F1 GP Baku, vince Perez, Verstappen beffato: erroraccio Hamilton

Ancora un successo Red Bull nel GP di F1 a Baku davanti a Vettel e Gasly, quarta la prima Ferrari con Leclerc davanti a Norris

F1 Baku Perez
Sergio Perez vince con la Red Bull il GP di F1 di Baku (Getty Images)

Vince Sergio Perez nel GP F1 di Baku in Azerbaijan con Max Verstappen clamorosamente beffato a pochi giri dall’arrivo quando la sua posteriore sinistra cede proprio mentre l’olandese stava dominando la gara. E Lewis Hamilton che dopo la ripartenza fa harakiri finendo lungo alla prima curva. Un finale davvero imprevedibile…

Gp Baku, i due momenti fondamentali

La Red Bull stava dominando il GP di Baku con Verstappen davanti a tutti seguito solo da Perez. Impossibile per Hamilton reggere il ritmo delle due auto austriache con Vettel, Gasly e Leclerc a inseguire ma da discreta distanza.

Il primo momento cardine del GP in Azerbaijan è il crash di Lance Stroll la cui posteriore sinistra cede all’improvviso forse a causa di qualche detrito. Red Bull che ripartono davanti a tutti tenendo a distanza Hamilton e arginando l’ottima rimonta di Vettel. Ma a sette giri dal termine anche Verstappen lamenta un cedimento della posteriore sinistra, forse per un problema della gomma… Bandiera rossa con l’olandese che scende furioso dalla sua auto che sbatte sul muretto.

LEGGI ANCHE > MotoGP Catalogna: vince Oliveira, Quartararo beffato

F1 Baku Verstappen
Verstappen prende a calci la gomma sinistra che lo ha tradito sul più bello (Getty Images)

Ordine d’arrivo e classifica

La lunga interruzione riporta tutte le auto in pit lane a indossare le gomme rosse. La commissione opra per una inedita sprint di un paio di giri che conclude il GP di Baku in modo assolutamente imprevisto, con Perez costretto a mettere tutto a rischio.

Quello che accade alla ripartenza ha dell’incredibile. Perez va a marcare Hamilton che parte in testa ma finisce lungo alla prima curva, e perde tutto. Un erroraccio imperdonabile.

Vince Perez, seconda vittoria in carriera dopo quella del Sakhir della scorsa stagione, davanti a  Vettel, sicuramente MVP di giornata davanti a Gasly, di nuovo sul podio, e alla Ferrari di Leclerc. Poi Norris, che si difende negli ultimi due giri davanti ad Alonso, al sorprendente Tsunoda con l’Alphatauri, Sainz, Ricciardo e all’Alfa Romeo di Raikkonen, anche lui in zona punti.

Nella classifica generale del mondiale non cambia nulla: Verstappen, 105, ed Hamilton, 101 rimangono fermi e senza punti. Con Perez che sale al terzo posto a quota 69 scavalcando sia Bottas che Norris, ora quarto a quota 63 davanti a Leclerc, 62.

Gestione cookie