Superbike Misano, Razgatlioglu vince gara 3, ma Rinaldi entusiasma

Splendida prova di Michael Ruben Rinaldi, di nuovo sul podio dietro a Razgatlioglu in una tappa Superbike a Misano che per una volta vede Rea chiudere senza vittoria

Superbike Misano, Razgatlioglu
Toprak Razgatlioglu rafforza la seconda posizione nel mondiale alle spalle di Rea (Getty Images)

Non vince Jonathan Rea, e questa è di per se stessa già una notizia perché il nordirlandese una vittoria l’aveva sempre conquistata sia ad Aragon che all’Estoril.

Superbike Misano, Razgatlioglu e la Yamaha volano

Stavolta le cose vanno diversamente. Consapevole di una condizione globale sua e della moto forse non eccezionale, Rea gestisce. Proprio come aveva fatto in gara 1 lasciando a Razgatlioglu con la Yamaha e a uno scatenato Michael Ruben Rinaldi il compito di giocarsi la vittoria. Duello splendido, che stavolta vede il turco conquistare una vittoria meritata anche in considerazione del ritmo indiavolato nel corso della seconda parte della gara, con Rinaldi a reggere la scena ma senza mai riuscire ad avvicinarsi abbastanza. Lontano abbastanza Rea è terzo, lontanissimo Redding con la seconda Ducati davanti a Lowes con Gerloff sesto e uno splendido Axel Bassani ancora grande protagonista, con un ottimo settimo posto.

Il week-end di Superbike di Misano Adriatico garantisce non solo una Ducati competitiva, ma anche un Michael Ruben Rinaldi davvero brillante. E poi una Yamaha potente e veloce, bene interpretata da un Razgatlioglu perfettamente coinvolto nel suo ruolo di nemesi di Jonathan Rea. Il turco passa Rinaldi a tredici giri dall’arrivo dopo un gran monologo del romagnolo, con Rea dietro a controllare senza spingere nemmeno più di tanto.

LEGGI ANCHE >  Marvin Vettori non ce la fa: un’altra sconfitta ai punti con Adesanya

Superbike Jonathan Rea
Rea, mantiene la leadership del mondiale Superbike dopo Misano (Getty Images)

La classifica generale

Rea perde qualcosa in classifica generale rispetto a Razgatlioglu. Ma tiene sempre a considerevole distanza il suo avversario forse più temuto, quello Scott Redding che con la Ducati non riesce mai a salire sul podio in nessuna delle tre gare di Misano. Il nordirlandese Rea dopo le tre prove di Misano, pur senza vittorie, resta saldamente al comando della classifica del mondiale con 149 punti. A seguire Razgatlioglu (129), Redding (104), Lowes (90) e Rinaldi 82, una vittoria e due secondi posti nell’unico evento italiano del mondiale.

Prossima tappa, la quarta del mondiale Superbike, a Donington, il 4 luglio.

Impostazioni privacy