Juventus-Milan, Chiesa in campo? Max Allegri risponde così

335

Juventus-Milan, Chiesa in campo dal primo minuto? Max Allegri risponde così a poche ore dal big match dell’Allianz Stadium

(Getty Images)

Al primo crocevia stagionale, la Juventus ha imboccato la strada giusta vincendo e convincendo nella serata di Malmoe. Ma tempo per festeggiare ce n’è poco, perché domenica sera i bianconeri sono attesi da un nuovo esame. Juventus-Milan alla quarta di Serie A non vale già per lo scudetto ma è comunque decisiva per entrambe.

Massimiliano Allegri ne ha vissute diverse di vigilie così e almeno con la stampa non scioglie tutti i dubbi dicendo di avere tre dubbi per la formazione, uno in ogni reparto. “Deciderò dopo la rifinitura ma abbiamo cinque partite prima della sosta, l’importante è che tutti si sentano partecipi quando c’è da entrare”.

Tra i dubbi c’è anche Federico Chiesa: “Dove può rendere? A destra molto di più, davanti dovrebbe giocare con una punta, mentre centralmente fatica a giocare. A sinistra ha qualità importanti per tiro in porta e uno contro uno. Sta crescendo ma deve migliorare nella lettura della partita  e nei tempi di gioco. Qualità e la cattiveria, quelle non glie le toglie nessuno”.

Chiesa
Federico Chiesa (Getty Images)

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Calciomercato Juventus, il sogno è un attacco super: tifosi entusiasti

Juventus-Milan, Chiesa in campo? Tutti i dubbi di Massimiliano Allegri alla vigilia

L’altro dubbio di Allegri è legato ai centrali difensivi, oltre che al modulo. Se la Juventus dovesse giocare a tre dietro, potrebbe esserci spazio dall’inizio per Rugani elogiato pubblicamente dal suo tecnico. In caso contrario, uno tra Chiellini e Bonucci potrebbe rimanere fuori per dare spazio a De Ligt dall’inizio.

(Getty Images)

Ma che partita sarà? “Sempre Juve-Milan, è una delle partite più importanti, se non la più importante. Noi dobbiamo dare seguito alla Champions, ormai il Milan da un anno e mezzo gioca molto bene, sono quasi tre anni che giocano assieme e hanno certezze importanti. Noi invece stiamo crescendo”.