Golf, la Ryder Cup torna negli Stati Uniti: Europa deludente

49

Si chiude con la vittoria della rappresentativa statunitense la Ryder Cup, uno dei tornei di golf più attesi e importanti dell’anno

Golf Ryder Cup
Il team Stati Uniti alza il trofeo della Ryder Cup (Getty Images)

Gli Stati Uniti dominano, e riportano a casa con pieno merito la Ryder Cup. Non c0p partita nel tradizionale evento di golf che vede di fronte le rappresentative di Stati Uniti ed Europa, riuniti in una grande rappresentativa internazionale.

Ryder Cup, vincono gli Stati Uniti

Una supremazia quella statunitense emersa fin dalle prime sfide, che hanno garantito alla squadra stelle e strisce ben quattro vittorie nei primi cinque incontri individuali. A metà programma gli USA erano considerevolmente avanti, e si sono limitati ad amministrare il considerevole vantaggio nelle sfide decisive, senza commettere errori e concedendo alla rappresentativa europea il minimo indispensabile.

LEGGI ANCHE > Marcell Jacobs a Sportitalia.it: “Presto nuove sfide, vi svelo i miei obiettivi” – VIDEO

Golf Ryder Cup
Sergio Garcia, il grande sconfitto della Ryder Cup (Getty Images)

Europa deludente

L’evento, giunto alla sua 43esima edizione, si è concluso con la festa americana sul course di Whistling Straits ad Haven nel Wisconsin. Un bilancio inequivocabile non solo dai risultati sul campo ma anche dalle premesse visto il valore del ranking dei giocatori coinvolti.

Ai punti, messi ampiamente in preventivo, si sono aggiunti anche quelli meno pronosticabili di Cantlay, per esempio, contro Lowry, piuttosto che di DeChambeau che ha inflitto una pesante sconfitta al ben più esperto Sergio Garcia.

L’unica soddisfazione per l’Europa la garantisce Rory McIlroy che chiude in crescendo ma senza garantire tutti i punti necessari di fronte a un gap incolmabile.  Stati Uniti che conquistano la 27esima vittoria in 43 edizioni, la seconda negli ultimi tre anni dopo un lungo predominio europeo.

Dopo la presenza piuttosto costante di Molinari nel corso delle ultime edizioni qest’anno non si registravano golfisti italiani nella rappresentativa italiana.