Esonero Allegri, clamoroso annuncio: la decisione della società

468

Esonero Allegri, clamoroso annuncio: la decisione della società. La sconfitta contro il Sassuolo non è andata giù all’ambiente bianconero

Max Allegri
Allegri e Federico Chiesa (Foto: Getty)

Questo avvio di stagione della Juventus è vissuto su due binari paralleli. Da un lato le difficoltà fin troppo evidenti in campionato e dall’altro i buoni risultati in Champions League (punteggio pieno dopo 3 partite e primo posto nel girone). Massimiliano Allegri, come sempre capita in Italia, è già finito sul banco degli imputati. Dopo l’allontanamento di Andrea Pirlo, molti avevano visto nel ritorno del livornese una garanzia di successo. I problemi della ‘Vecchia Signora‘ negli ultimi due anni erano stati imputati principalmente alla guida tecnica. Prima Sarri e poi il campione del mondo 2006 non avevano saputo tirar fuori il meglio da una rosa ricca di campioni. Quest’anno la partenza di Ronaldo ha impoverito ulteriormente una cifra tecnica complessiva che si sta rivelando tutt’altro che eccelsa. Il manico non è l’unico problema che hanno a Torino e se ne stanno accorgendo anche in società. Il mercato di gennaio è ancora lontano e il bilancio pesantissimo non consente di pianificare spese folli.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, è ufficiale: c’è la firma di un big

LEGGI ANCHE >>> Pirlo, il ritorno è a un passo: per il Maestro c’è una panchina eccellente

Esonero Allegri, clamoroso annuncio: salvato dai conti in rosso della società

Agnelli e Nedved
Andrea Agnelli e Pavel Nedved sul terreno dello Stadio Olimpico (Foto: Getty)

Proprio i conti in rosso sarebbero “responsabili” anche del mancato esonero di Max Allegri in queste ore. Secondo quanto riferito da un decano della stampa italiana come Tony Damascelli, il bilancio della Juventus non consente di “regalare” uno stipendio monstre ad un allenatore per rimanere a casa. Parlando a radioradio.it ha specificato: “I giocatori della Juventus sono impiegati supersalariati, guidati da un capufficio che è rimasto a tre anni fa e ha perso di vista il campo. Soltanto la situazione drammatica dei conti bianconeri non permette ad Agnelli di licenziare l’allenatore al quale ha garantito nove milioni all’anno per quattro stagioni”. Insomma anche all’interno della Continassa la situazione non sembra essere delle migliori. Serviranno due vittorie prima della sosta per alleggerire un’aria che si è fatta molto pesante.