Zlatan Ibrahimovic, che mazzata: beffa clamorosa in Svezia

346

Zlatan Ibrahimovic è ancora uno dei migliori giocatori del pianeta, ma stavolta in Svezia gli hanno preferito Emil Forsberg

Zlatan Ibrahimovic
Lapresse

Zlatan Ibrahimovic, da quando è tornato al Milan, sta vivendo una vera e propria seconda giovinezza. Vero che il fisico non è più quello di una volta e che i continui infortuni lo tormentano da tempo, ma ogni volta che lo svedese va in campo risulta decisivo con le sue giocate.

Non è un caso che i rossoneri, dal suo ritorno in poi, si sono letteralmente trasformati. Ibra non ha contribuito solo in termini di reti, ma anche di personalità ed il diavolo dopo anni di purgatorio è finalmente tornato in Champions ed è stabilmente ai vertici della classifica.

Nonostante Zlatan sia ancora considerato, a 40 anni, uno dei calciatori più forti del pianeta, il suo rapporto con il Pallone d’Oro continua ad essere negativo. In questo caso addirittura in patria hanno deciso di non premiarlo.

LEGGI ANCHE: Il Milan piazza il primo colpo: tutto fatto per un talento estero

Pallone d’Oro Svedese, Zlatan Ibrahimovic surclassato da Forsberg

Forsberg
Lapresse

L’edizione 2021 del Pallone d’Oro svedese se l’è aggiudicata infatti Emil Forsberg, centrocampista offensivo del Lipsia, che ha impedito a Ibra di conquistare il suo tredicesimo “Guldbollen”.

Decisiva nella scelta della stampa svedese, probabilmente, è stata l’assenza dell’attaccante del Milan agli ultimi Europei, dove invece Forsberg ha brillato mettendo a segno anche 4 reti in 6 partite.

Zlatan aveva vinto il premio di miglior giocatore della Svezia nel 2005 la prima volta, per poi dominare ininterrottamente dal 2007 al 2016. Successivamente l’egemonia si era interrotta per 4 anni, ma nel 2020 Ibra aveva di nuovo trionfato.

LEGGI ANCHE: Milan, Kessie rinnovo in bilico: la pretendente che spaventa i rossoneri

Quest’anno, nonostante l’ottima stagione in Serie A ed il Milan di nuovo in Champions, l’attaccante è stato beffato sul filo di lana. Ma conoscendo il suo carattere siamo certi che ci sarà ancora occasione per tentare l’assalto al trofeo personale numero 13.