Wimbledon, scelte le wild card: c’è un grande ritorno

199

Si avvicina l’edzione 2022 di Wimbledon, terzo Slam della stagione. Comunicate le wild card. C’è un grande ritorno sui campi di Church Road 

Sarà un’edizione storica quella che comincerà lunedì 27 giugno per Wimbledon. Per la prima volta nell’era Open, lo Slam londinese non assegnerà punti per il ranking Atp e Wta. Questo per la decisione del comitato organizzatore di escludere dal torneo i tennisti russi e bielorussi per le note vicende collegate alla Guerra in Ucraina.

Wimbledon
Wimbledon, il campo Centrale (Ansa Foto)

Una scelta non condivisa da Atp e Wta che hanno deliberato su una scelta che condizionerà e non poco la classifica, specie di chi nella scorsa edizione di Wimbledon ha raggiunto un risultato notevole con conseguenti punti da difendere. E’ il caso, ad esempio, di Berrettini e Djokovic, i quali senza più i punti della finale e della vittroria dello scorso anno sono destinati a perdere altre posizioni in classifica con l’azzurro destinato a lasciare la top ten.

Punti o meno, Wimbledon resta sempre un torneo di grande prestigio. A poco meno di due settimane dall’inizio, come da tradizione, gli organizzatori hanno comunicato le wild card che entreranno nei due tabelloni.

Wimbledon, le wild card del torneo maschile

Spazio ai tennisti di casa nel tabellone maschile. Entreranno direttamente nel main draw, Liam Broady, Jay Clarke, Alastair Gray, Paul Jubb e Ryan Peniston. A loro si affiancherà l’olandese Tim Van Rijthoven, vincitore a sorpresa dell’Atp di Hertogenbosch, nel quale ha sconfitto in finale Medvedev dopo aver eliminato Fritz e Auger Aliassime. Un’altra wild card è stata concessa a Stan Wawrinka. Lo svizzero non disputerà le qualificazioni. Vincitore dell’Australian Open, del Roland Garros e dello Us Open, ai Championship, Stan vanta due quarti di finale nel 2014 e nel 2015.

Torna Serena Williams

Serena Williams
Serena Williams

Nel tabellone femminile, una wild card è andata a Serena Williams. L’ex numero uno del mondo, 7 volte vincitrice dei Championship, tornerà in campo a un anno di distanza. L’ultima partita l’ha disputata proprio a Wimbledon, al primo turno della scorsa edizione, quando fu costretta al ritiro contro la Sasnovich. Serena non ha più punti nel ranking Wta. Vedremo cosa riuscirà a fare dopo un lungo periodo di inattività. Di certo, le sarà riservato il Campo Centrale.