Pecco Bagnaia non fa sconti a nessuno: clamorosa rivelazione

248

Pecco Bagnaia non fa sconti a nessuno: “Nessun nervosismo nei box”. Il mercato dei piloti per la prossima stagione tiene banco

Due Ducati davanti a tutti nella prima sessione di Libere al Sachsenring per il Gran Premio di Germania. Primo Jack Miller, secondo Pecco Bagnaia a soli 15 millesimi con la Yamaha di Quartararo terza.

Pecco Bagnaia (LaPresse)

Una coppia che funziona, quella di Borgo Panigale, ma che è anche destinata a sciogliersi perché l’australiano passerà alla KTM. Non è ancora chiaro chi lo sostituirà anche se Enea Bastianini è il grande favorito. Ma Bagnaia ha già un’idea chiara: “A Jack vanno i miei migliori auguri per il prosieguo della carriera. Per il prossimo anno spero che, chiunque arriverà come compagno di squadra, non inizi creando nervosismo nel box. Bisogna lavorare insieme, questo è un punto fondamentale.”

Lui intanto dopo lo zero incolpevole di  Barcellona, sarà costretto ad una rimonta quasi impossibile. “Lo scorso anno dovevo recuperare 70 punti a cinque gare dalla fine e ci siamo andati vicini. Ora sono distante 66 punti a undici gare dalla fine. Fabio Quartararo è il più forte in pista, ma noi possiamo dimostrare di valere. Di certo non sarà facile, ci proveremo”.

Pecco Bagnaia non fa sconti a nessuno ma un candidato si chiama già fuori

Insieme ad Enea Bastianini, anche Jorge Martin che conosce già molto bene la Ducati è l’altro candidato a prendere il posto di Miller nella prossima stagione. Ma in realtà il giovane spagnolo potrebbe andare a riempire la casella che sarà lasciata libera da Pol Espargarò alla Honda al fianco di Marc Marquez anche se per ora c’è Joan Mir in pole position.

Fino a qualche mese fa sembrava che non ci fossero dubbi sulla scelta di Martin come sostituto di Miller in caso di addio dell’australiano alla Ducati Factory. Ma le tre vittorie stagionali di Bastianini e la sua crescita complessiva hanno cambiato tutto e stiamo quindi andando verso una squadra tutta italiana come era ai tempi di Dovizioso e Iannone o Petrucci.

Jack Miller (ANSA)

L’unico che conosce il suo destino è Miller: “La mia decisione è stata dettata anche dal fatto che so come funziona la struttura della KTM, come lavorano. Il fatto che ora ci sia Francesco Guidotti è stato un altro fattore in quella direzione.  Sento di avere ancora molto da dare e non vedo l’ora di iniziare”.