Stefano Tacconi, un altro passo avanti: la commozione corre sui social – FOTO

167

Stefano Tacconi, un altro passo avanti: la commozione corre sui social. L’ex portiere della Juventus è ricoverato in ospedale da quasi due mesi

Sono trascorsi due mesi ormai da quel 23 aprile, dal giorno in cui Stefano Tacconi crollò a terra esanime a causa di una gravissima emorragia cerebrale. E solo l’immediatezza dei soccorsi, arrivati grazie al pronto intervento del figlio Andrea, impedì che in quel momento accadesse il peggio.

Tacconi
Stefano Tacconi (Ansa)

Tacconi, trasportato d’urgenza in pronto soccorso, è stato poi ricoverato presso l’ospedale di Alessandria in condizioni molto gravi. Per almeno 5/6 giorni l’ex numero uno bianconero ha lottato tra la vita e la morte lasciando familiari e amici con il fiato sospeso.

Poi, finalmente, le prime buone notizie dal reparto di Neurologia dell’ospedale e i bollettini medici che diventatavano sempre più lusinghieri con il passare dei giorni. Fino a quando, non più tardi di una settimana fa, l’ex portiere umbro è stato finalmente dimesso dalla struttura ospedaliera per essere ricoverato in un centro riabilitativo ad hoc.

A tenere amici e tifosi sempre costantemente aggiornati sulle condizioni di Stefano Tacconi è stato soprattutto il figlio Andrea, l’amatissimo primogenito che è rimasto al suo fianco fin dai primi istanti della tragedia.

Stefano Tacconi, il biglietto scritto alla famiglia esntusiasma i tifosi

Tacconi
Andrea Tacconi (Instagram)

Ma ora che il pericolo è passato, la vita di Stefano Tacconi non è più a rischio, ha inizio una fase co,munque molto dura e impegnativa, quella del percorso di riabilitazione sulla strada del completo recupero delle funzioni neurologiche. E per fortuna dai primi segnali che arrivano tutto sembra procedere per il meglio.

Qualche ora fa, con un post apparso all’interno delle storie sul suo prfilo Instagram, Andrea Tacconi ha pubblicato la foto di un messaggio scritto da papà Stefano su un bloc notes.

L’ex portiere della Juventus, dal Presidio Riabilitativo Borsalino di Alessandria dove è ricoverato ha voluto inviare un messaggio alla sua famiglia: “Andrea, Laura…dai, tra poco insieme“.

Ovviamente la grafia appare ancora molto incerta, ma quello che conta è che Stefano Taccconi sia perfettamente lucido e consapevole di quanto gli è accaduto. E il sogno di riunirsi alla sua amatissima famiglia non è più così lontano.