Inter, la super cessione è ad un passo: Simone Inzaghi spiazzato

350

Inter, la super cessione è ad un passo: Simone Inzaghi spiazzato. La rescissione consensuale di Sanchez non basta a rimettere in sesto i conti del club

Il campionato è ormai alle porte e i problemi tecnico-tattici di alcune grandi o presunte tali sembrano lontani dall’essere risolti. Ad esempio l’Inter, che in occasione delle amichevoli pre campionato ha messo in mostra un attacco devastante ma una difea a dir poco ballerina.

Simone Inzaghi
Simone Inzaghi (LaPresse)

Il reaprto avanzato del resto può contare su un quartetto di altissimo livello, un unicum in questa Serie A: il tandem Lukaku-Lautaro promette scintille come e più di due stagioni fa mentre Dzeko e Correa rappresentano due alternative di lusso.

A sorpresa però è emersa in questi 40 giorni una fragilità difensiva che l’Inter non conosceva da molti anni. Nonostante la conferma del terzetto difensivo titolare, i vice campioni d’Italia appaiono più permeabili agli attacchi avversari.

In attesa dell’esordio in campionato contro il Lecce, Simone Inzaghi è in cerca di rimedi e soluzioni tattiche. A sorpresa però i suoi piani rischiano seriamente di andare in fumo: il mercato infatti potrebbe portargli via uno dei pilastri del reparto arretrato. Anzi, è proprio l’architrave della difesa ad essere vicinissimo all’addio.

Inter, la cessione di Skriniar è vicina: polemiche in vista

Skriniar
Milan Skriniar (LaPresse)

Dopo qualche settimana di calma apparente, il Paris Saint Germain è infatti tornato pesantemente alla carica per strappare il forte difensore slovacco all’Inter. La proposta dei parigini è più alta rispetto alla precedente, si parla di una cifra molto vicina ai 65 milioni di euro.

Di fronte alla possibilità concreta di realizzare un incasso così importante con relativa maxi plusvalenza, il presidente Steven Zhang sarebbe tentato di accettare.

Del resto, il club nerazzurro deve chiudere questa sessione di mercato in attivo e il sacrificio di Skriniar, per quanto doloroso, appare quasi inevitabile.

Simone Inzaghi è ovviamente in allarme: l’eventuale sostituto del centrale slovacco, lo svizzero del Borussia Dortmund Manuel Akanji, per quanto elemento di indubbie qualità, non offre le stesse garanzie del difensore slovacco.

Le prossime ore saranno decisive: il presidente Zhang, arrivato a Milano in queste ore, dovrà prendere una decisione cruciale per il futuro dell’Inter.