Formula E come agli autoscontri: carambola tra otto auto – VIDEO

256

Nella penultima prova del Mondiale di Formula E si assegna il titolo, ma la corsa comincia con un incredibile maxitamponamento

Il campionato di Formula E si avvia alla sua conclusione: oggi la penultima gara stagionale, domani la seconda sempre sul circuito sudcoreano di Seoul che chiude il calendario del campionato full-electric della FIA.

Formula E
Maxitamponamento al primo giro della gara di Formula E

In corsa per la vittoria ci sono Stoffel Vandorne, che punta al secondo titolo mondiale consecutivo per la Mercedes. E il neozelandese Mitch Evans della Jaguar costretto a una rimonta quasi impossibile.

Formula E, maxitamponamento a Seoul

Il gran premio decisivo si è concluso con la vittoria di Mitch Evans che lascia tutti i giochi aperti in vista della gara conclusiva che assegnerà il titolo piloti e quello costruttori. Ma le immagini più clamorose sono quelle di un maxitamponamento avvenuto al primo giro, quando sul circuito stava imperversando un violento acquazzone.

Ultima gara decisiva

Il primo a finire contro le barriere è il secondo pilota della Jaguar, Norma Nato che va lungo in curva incastrandosi contro le protezioni. Sembra una scena tratta da un film: ma è tutto vero. Dietro di lui seguono la stessa sorte anche Sebastien Buemi, Dan Ticktum e il campione del mondo in carica De Vries. É proprio l’olandese a rischiare di più con le macchine infilandosi sotto l’auto di Buemi e benedicendo l’halo che è obbligatorio anche in Formula E e che una volta di più si rivela provvidenziale. In rapida successione anche le auto Oliver Askew, Andre Lotterer, Nick Cassidy e Oliver Turvey finiscono a loro volta incastrate nel mucchio.

Ci vuole più di mezz’ora perché la gara riprenda. A vincerla è proprio Evans, vittorioso anche a Roma. Con Vandoorne quinto: il belga mantiene 24 punti di vantaggio, potrà amministrare nella gara decisiva di domani ma non dovrà assolutamente concedere alcun errore a un Evans scatenato, alla sua quarta vittoria stagionale.

L’incredibile maxitamponamento in avvio