Serie A, quasi certo il primo esonero: può essere ufficiale a breve

184

Serie A, quasi certo il primo esonero: può essere ufficiale a breve. I risultati poco convincenti stanno indirizzando la società al cambio.

Dopo quattro sconfitte nelle prime quattro partite disputate, il futuro di Stroppa è davvero appeso ad un filo. La sconfitta di ieri sera del Monza contro l’Atalanta di Gasperini rischia di essere decisiva in tal senso.

Serie A
Esonero vicino per un allenatore di Serie A (AnsaFoto)

I brianzoli sono partiti con cinque sconfitte in altrettante partite nel loro esordio in Serie A e sono relegati all’ultimo posto della classifica (la Cremonese ha fatto il suo primo punto contro il Sassuolo). Il tempo per crescere non c’è, servono subito i punti e questo l’ex giocatore del Milan lo sa bene. Berlusconi e Galliani hanno investito circa 70 milioni nel mercato estivo e pretendono un passo avanti. Capriari, Petagna, Pessina, Marlon, Mota, Sensi e Cragno (ancora out) devono valere qualche punto in più.

Serie A, il futuro di Stroppa è appeso ad un filo: il sogno di Galliani si chiama De Zerbi

Giovanni Stroppa
Giovanni Stroppa sulla panchina del Monza (AnsaFoto)

L’allenatore Stroppa ha affrontato anche il tema esonero, palesando un pizzico di pressione.

“Non ci sono problemi di modulo o tattici, lavoriamo e basta. Ovvio, vorremmo fare punti, è fondamentale per dare valore a quello che stiamo facendo, ma sono sicuro che saremo in grado di fare una bella partita“.

Poi sul mercato aggiunge: “La squadra si è rinforzata molto ed è stata completata“. Niente scuse quindi, nonostante qualche infortunato di troppo. Qualora le cose dovessero andare per il peggio, Adriano Galliani ha già individuato il sostituto ideale, ovvero Roberto De Zerbi. L’ex tecnico del Sassuolo si è liberato dallo Shakhtar Donetsk e non vede l’ora di rientrare nel campionato italiano. Le alternative portano il nome di D’Aversa, Ranieri e la suggestione Daniele De Rossi. L’ex romanista sarebbe uno dei nomi preferiti, ma c’è l’incognita esperienza.