Mario Cipollini, il dramma raccontato dalla ex moglie: un passato da denuncia

319

L’ex ciclista non sta passando affatto un bel momento. Tra Mario Cipollini e la ex moglie è accaduto di tutto, e lei svela ogni cosa.

Mario Cipollini, da diverso tempo, era impelagato in una brutta faccenda che riguardava lui e la ex moglie. E che vedeva quest’ultima, Sabrina Landucci, in qualità di parte lesa. Difatti è proprio questo che si evince dalla sentenza arrivata a fine ottobre 2022 da parte del Tribunale di Lucca.

Un selfie di Cipollini
Un selfie di Cipollini (Foto Instagram)

Il giudice della città toscana ha condannato proprio Mario Cipollini, con sentenza di primo grado, a tre anni di reclusione, riconoscendo valide le accuse nei suoi confronti di lesioni e di minacce intentate alla Landucci.

La quale da tempo ha un nuovo compagno, l’ex centrocampista della Lucchese negli anni Novanta, Silvio Giusti. Anche nei confronti di quest’ultimo Mario Cipollini avrebbe assunto un atteggiamento intimidatorio. L’ex ciclista, verso il Giusti, è stato accusato di minacce.

In virtù di ciò, oltre alla condanna sopra citata, Cipollini deve anche versare 80mila euro alla sua ex moglie e 5mila euro a Silvio Giusti, in qualità di risarcimento. Le vicende contestate a Cipollini risalgono al 2017.

Mario Cipollini, l’ex moglie: “Un errore non denunciare subito”

Sabrina Landucci, che è la sorella del vice-allenatore della Juventus ed ex portiere dell’Inter sempre negli anni Novanta, Marco Landucci, cinque anni fa denunciò Cipollini per maltrattamenti di natura psichica e fisica, con anche minacce di morte ricevute, oltre a lesioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sabrina Landucci (@landuccisabrina)

L’ex ciclista ha sempre negato quanto rivoltogli dalla donna, eppure il tribunale di Lucca ha appesantito la richiesta di due anni e sei mesi presentate dal pubblico ministero, aggiungendo altri dei mesi a tale istanza.

Intervistata dal Corriere della Sera, Sabrina Landucci ha invitato altre donne che versano in situazioni di maltrattamenti in famiglia a denunciare tutto e subito ed a non restare mai in silenzio. Lei inoltre parla di comportamento tollerante riguardo a violenze, tradimenti e maltrattamenti, perché era innamorata. Poi però si è decisa a cambiare tutto e nel 2012 è arrivata la separazione da Cipollini.

La Landucci aggiunge anche di non avere denunciato subito l’ex marito sia per tutelare le loro due figlie, Rachele e Lucrezia, che per preservare il buon nome e la carriera sportiva di lui. Si spera che nessuna donna possa mai più vivere qualcosa del genere.