Max Verstappen punito, è arrivata la sentenza ufficiale: tifosi senza parole

835

Max Verstappen punito, è arrivata la sentenza ufficiale: tifosi senza parole. Il neo campione del mondo rischia grosso

Dopo settimane di chiacchiere e indiscrezioni, ci siamo. La FIA ha emesso la sua sentenza sul caso Red Bull e violazione del Budget Cap e dopo il patteggiamento accettato dal team di Milton Keynes ha comunicato ufficialmente le sanzioni.

Max Verstappen, attacco durissimo (ANSA)

Una multa da 7 milioni di dollari che il team dovrà pagare e il 10% in meno di tempo per i test aerodinamici il prossimo anno,  sia in galleria del vento che nelle simulazioni al computer. La Red Bull aveva sforato di 1,8 milioni di sterline britanniche il budget, cioè una quota inferiore al 5% del totale che avrebbe comportato sanzioni peggiori.

“Red Bull Racing  – si legge nel comunicato ufficiale – è stata ritenuta in violazione del Budget Cap. Tuttavia, l’amministrazione del limite di costo ha riconosciuto che la Red Bull Racing ha agito in modo cooperativo durante tutto il processo di revisione e ha cercato di fornire ulteriori informazioni e prove. Non vi sono accuse o prove che il team abbia cercato in qualsiasi momento di agire in malafede, in modo disonesto o fraudolento, né abbia intenzionalmente nascosto alcuna informazione all’Amministrazione Cost Cap”.

Max Verstappen, attacco durissimo: tutte le novità della FIA non lo trovano d’accordo

Max Verstappen come l’ha presa? Ha sempre detto tutto quello che pensava anche quando non aveva ancora vinto un titolo mondiale perché è fatto così, diretto e genuino fino in fondo. Adesso che ha fatto bis, il suo atteggiamento non cambia e lo ha dimostrato a Città del Messico con un attacco durissimo.

All’olandese tutte le novità introdotte nel 2023 per il mondo della Formula 1 non piacciono. Una in particolare, il fatto che Liberty Media con l’avallo della FIA abbia raddoppiato il numero delle Gare Sprint che forse fanno piacere al pubblico ma sono poco gradite ai piloti.

Anzi, per lui sono il male assoluto e lo ha detto chiaramente in conferenza stampa. Ha spiegato che in realtà punti a disposizione ce ne sono pochi e che l’obiettivo di ogni pilota è evitare incidenti per non compromettere la gara della domenica, quella che conta veramente. per questo lo considera un impegno inutile, senza sentimento.

Formula 1 Usa Sportitalia 231022
Verstappen, 13 vittorie in stagione (AP LaPresse)

“Penso che dovremmo limitarci alla gara principale, al Gran Premio e davvero non capisco quale sia il problema perché abbiamo tante gare emozionanti nelle ultime stagioni. Non credo sia necessario aggiungere una gara di cento chilometri in cui tutti sono impegnati principalmente nel non commettere errori. Se non si può rischiare, per quanto mi riguarda non è davvero una gara”.