Rivoluzione Netflix, bomba in arrivo per gli abbonati: niente sarà come prima

288

Rivoluzione Netflix, bomba in arrivo per gli abbonati: niente sarà come prima. La nuova frontiera per la piattaforma si chiama diretta

Una corsa contro il tempo ma anche verso l’ultimo abbonamento. Perché le pay-tv, le piattaforme streaming e quelle on-demand si stanno moltiplicando e ognuna cerca di strappare clienti alla concorrenza, Netflix rimane leader ma ha pronta una rivoluzione epocale.

Rivoluzione Netflix
Rivoluzione Netflix, bomba in arrivo per gli abbonati (Pexels)

L’indiscrezione arriva dal Wall Street Journal e per questo merita molta attenzione. Netflix da tempo infatti starebbe studiando la possibilità di trasmettere eventi di sport in diretta. In particolare di recente avrebbe fatto offerte per i diritti dei tornei ATP e WTA del tennis per alcuni Paesi europei, compresi Francia e Regno Unito

Ma nel mirino, almeno per ora, ci sarebbero anche altri eventi, inclusi i diritti per diverse gare ciclistiche e per entrare nella World Surf League. Al momento però non esiste alcun annuncio ufficiale da fare.

Rivoluzione Netflix, bomba in arrivo per gli abbonati:

L’idea è quella di entrare nel mondo dello sport in diretta investendo però su eventi dai costi relativamente bassi per non incidere troppo sui bilanci della società. Una sorta di test per verificare anche la risposta del pubblico e rispondere a colossi come Comcast (quindi Sky), DAZN, ma anche Walt Disney Co, Apple e Amazon.

abbonati Netflix
Cosa potrebbe cambiare per gli abbonati (ANSA)

Dobbiamo aspettarci quindi che Netflix, come Amazon e forse Paramount+, entri in ballo il prossimo anno per i diritti della Serie A 2024/2027? Difficile dirlo, ma sembra un investimento troppo elevato per le attuali intenzioni del Gruppo.

Rivoluzione Netflix, bomba in arrivo per gli abbonati: come funzionano adesso i piani

Dopo un inizio di 2022 decisamente complicato, segnato da un calo evidente di clienti, nell’ultima trimestrale Netflix ha dichiarato di aver trovato 2,4 milioni di abbonati in più (sono 223,09 milioni nel mondo). Un dato che però non ha convinto gli investitori tanto che le azioni sono crollate del 25%.

Così la piattaforma è corsa ai ripari: dal 3 novembre è stato introdotto un nuovo tipo di abbonamento. Prevede la visione di pubblicità durante la trasmissione di film e/o serie TV con un costo ridotto, cioé  5,49 euro al mese. Ma la qualità sarà ridotta e ci dsarà di fatto l’impossibilità di scaricare i contenuti da poter veder offline.

Netflix mette a disposizione altri tre tipi di abbonamenti. Il primo, più oneroso, è il piano Premium che costa 17,99 euro al mese, con risoluzione Ultra HD e la possibilità di vedere i contenuti fino a 4 dispositivi connessi contemporaneamente. Non c’è alcun tipo di limitazione di qualità o download dei contenuti, sia online o offline.

Abbonamenti Netflix
Netflix ha lanciato da poco i suoi nuovi abbonamenti (Pixabay)

L’altro abbonamento è quello Standard che ha un costo di 12,99 euro al mese con una risoluzione FULL HD e permette la visione ed il download dei contenuti su due dispositivi alla volta. Per finire, il piano Base: offre la visione in HD dei contenuti, senza alcun tipo di limite pubblicitario o qualitativo al costo di 7,99 euro, con un solo dispositivo alla volta collegato.