Milan, 2022 da scudetto: ma nel 2023 deve tornare il DNA europeo

E’ stato l’anno più bello dell’ultimo decennio. Il 2022 ha restituito al calcio mondiale, un gigante addormentato, come l’ha definito Gerry Cardinale al suo arrivo. Lo scudetto rossonero ha rimesso il Milan sulla cartina.22 maggio, giorno speciale, come dice il coro della Sud che fa tremare da mesi San Siro. La festa a Reggio Emilia, il tripudio di Casa Milan, il bagno di folla in Duomo.. Ma prima c’era stato il 5 febbraio. E’ lì che è iniziato tutto. Si è girato Giroud e resterà nella storia della Serie A. La seconda parte dell’anno ha visto i campioni d’Italia ripartire con lo scudetto sul petto, più o meno da dove avevano finito. Anche se il Napoli avanti corre. Ma il Milan è lì, prima dei non alieni.

Leggi anche: Cosa rischia la Juve? Ce lo dice Michele Criscitiello…

E poi il ritorno agli ottavi di Champions passando un girone decisamente complicato. Nuovi traguardi, con un focus ben chiaro, ribadito da tutti, da Maldini a Pioli: il meglio, nonostante tutto, deve ancora venire.