Gianluca Vialli, retroscena sconvolgente: le parole mettono i brividi

Gianluca Vialli, retroscena sconvolgente: le parole mettono i brividi. Emergono altri dettagli sulla scomparsa dell’ex centravanti azzurro

Sono trascorse solo poche settimane dal più grave lutto che abbia colpito il calcio italiano negli ultimi anni. La scomparsa di Gianluca Vialli è stata vissuta con dolore e sconcerto da parte di tutti gli addetti ai lavori e dei tantissimi tifosi che nel corso degli anni hanno visto nell’ex centravanti un idolo in campo prima e un appassionato e competente commentatore poi. L’ex bomber di Sampdoria e Juventus ha lasciato un vuoto che come ha dichiarato il suo fraterno amico, l’attuale ct della Nazionale Roberto Mancini, nessuno potrà mai colmare.

Vialli drammatico retroscena
Gianluca Vialli – Sportitalia.it

Da quando le condizioni di salute del bomber cremonese sono drasticamente peggiorate, molte delle persone che gli erano vicine hanno capito che la malattia aveva ormai preso il sopravvento e che purtroppo non ci sarebbe stato molto da fare. Uno di questi è Riccardo Ferri, ex roccioso difensore centrale dell’Inter, avversario in campionato di Vialli ma compagno di Nazionale, in quella splendida Italia di Azeglio Vicini che mancò di un soffio la conquista del titolo ai mondiali del 1990.

Quel gruppo aveva qualcosa di unico: tra i giocatori di quella squadra si crearono legami e rapporti che il tempo non è mai riuscito a scalfire. “Era un piacere giocare in quella Nazionale – ha ricordato un po’ di tempo fa Riccardo Ferri -. Stavamo bene tutti insieme ed era un piacere far parte di quel gruppo“. E uno degli animatori di quello spogliatoio era proprio Gianluca Vialli, considerato da molti un leader allegro e scanzonato.

Gianluca Vialli, il tragico retroscena che mette i brividi

E proprio l’ex difensore nerazzurro, campione d’Italia con l’Inter nel 1989, ha svelato un drammatico e struggente3 retroscena sugli ultimi giorni di vita dell’ex centravanti azzurro. “Ci sentivamo per gli auguri o quando c’era un evento, anche personale, da ricordare. Luca ha scritto l’ultima volta il 27 novembre per il compleanno del Mancio. Il 22 dicembre, quando c’è stato quello dello zio Bergomi, è invece rimasto in silenzio e lì abbiamo capito”.

Riccardo Ferri ha svelato così un retroscena straziante sugli ultimi mesi di vita di Gianluca Vialli. Un silenzio che ha fatto rumore in un gruppo whatsapp denominato “Notti Magiche” di cui fanno parte tutti i protagonisti della Nazionale di Italia 90.

Gianluca Vialli
Gianluca Vialli – Sportitalia.it

Nel corso di una recente intervista rilasciata a Il Corriere della Sera l’ex difensore dell’Inter ha spiegato: “Sono in ritiro con l’Inter, però il cuore e la mente vanno sempre a Luca. Ho cercato per tutto il giorno di stare lontano dalla televisione senza riuscirci. Ci mancherà, mancherà al calcio italiano. Credo che ci sia molto di Vialli nella vittoria della Nazionale agli Europei del 2021”.

Ferri sottolinea il commovente abbraccio tra lui e Mancini: “Rivedendo l’abbraccio forte e spontaneo con Roberto non ho potuto fare a meno di commuovermi. Voleva portare le figlie all’altare, ma sono certo che alle sue ragazze avrà lasciato in eredità grandi insegnamenti. Non è vero che la morte è uguale per tutti. A me resteranno il suo sorriso e un pezzo di vita che non tornerà più”.