Inter, un ingranaggio fin qui perfetto: ora si pensa al derby

125

Incandescente Inter.  Tre su tre e un inizio di campionato a dir poco perfetto. La squadra di Simone Inzaghi è esente da sbavature regalando certezze e conferme, tra tutte proprio quella del tecnico che ha firmato il rinnovo con il club fino al 2025. Milan e Inter in attesa del derby si dividono la vetta della classifica a punteggio pieno, in una Serie A ancora tutta di scrivere ma con i protagonisti già ben delineati.

Inter, fin qui una macchina perfetta

Bel calcio, bel gioco, bel gruppo… insomma, bella Inter. Il mercato estivo ha cambiato i connotati della compagine nerazzurra, certamente non stravolta ma pur sempre diversa; eppure la sensazione che si è avuta in queste prime tre uscite stagionali è che il nuovo gruppo si sia già ben amalgamato creando nuovi equilibri.

L’incognita più grande all’alba del campionato riguardava senz’altro la coppia lì davanti. Con Lukaku volato nella capitale, al neo capitano Lautaro Martinez è stato affiancato Marcus Thuram. È bastato poco tempo per collaudare il nuovo tandem offensivo. Il Toro trova la rete con estrema facilità e punta, senza celarlo troppo, alla conquista del titolo di capocannoniere della Serie A. Al figlio d’arte arrivato all’ombra della Madonnina da poco sono bastati 168’ in campo per presentarsi al pubblico di San Siro con la rete che ha sbloccato il match contro la Fiorentina.

Il nuovo assetto di questa Inter funziona e da ciò che si è visto finora quella nerazzurra sembra essere una macchina perfetta.

Milano si prepara al derby, si fa la storia

La prova del nove arriverà immediatamente dopo la sosta per le nazionali, perché il 16 settembre San Siro ospiterà il primo derby della stagione. Non era mai accaduto prima che Inter e Milan arrivassero a pari punti in vetta alla classifica in solitaria. Come fosse uno spareggio senza nessun dentro o fuori, ma con un obiettivo scritto per entrambe le squadre. Le emozioni dei derby europei in semifinale di Champions League sono ancora fresche in una Milano che adesso governa la classifica di Serie A e che da ufficialmente il via alla corsa scudetto per la conquista della seconda stella.