Champions, che bagarre! Chi sta fuori rischia tutto

Il campionato di Serie A, nelle prime posizioni, è più agguerrito e incerto che mai. Sebbene l’Inter stia marciando ad un passo differente rispetto alle altre (con la Juventus unica a tenere il ritmo dei nerazzurri), dal terzo posto in giù – al momento – sembra possa succedere di tutto.

Il piazzamento Champions è l’obiettivo minimo per diverse squadre. Per altre, invece, sarebbe una vera e propria impresa qualificarsi alla massima competizione europea nella prossima stagione.

L’Inter è la squadra che sembra dare più garanzie, la Juventus ha come priorità assoluta quella di tornare in Europa dopo le penalizzazioni e la squalifica della scorsa stagione. Milan e Napoli, per valore delle rose e per aspettative dei tifosi, potrebbero e dovrebbero occupare gli altri due posti rimanenti. E la Roma? E la Lazio? E la Fiorentina? E l’Atalanta? Quest’anno la lotta per il quarto posto, sarà molto accesa.

Al momento, classifica alla mano, a qualificarsi per la prossima edizione della Champions League sarebbero i giallorossi di Mourinho. La Roma manca l’accesso alla massima competizione europea da quattro stagioni ormai: Lukaku è sbarcato nella capitale, anche per raggiungere quest’obiettivo.

La Lazio di Sarri, invece, dopo il secondo posto dello scorso campionato, oltre ad aver perso Milinkovic in estate sembra aver perso qualche certezza di campo. Ci sarà molto da lavorare e da migliorare, per risalire la classifica.

Anche l’Atalanta di Gasperini non sta attraversando un buon momento, anzi: quella della Dea sembra la prima “crisi Gasperiniana”, se consideriamo anche le sue ultime dichiarazioni. Gli exploit delle passate stagioni sembrano un lontano ricordo, per ritrovare la Champions quest’anno servirà un mezzo miracolo.

Una delle squadre che a sorpresa potrebbe rientrare per la corsa europea di primo livello, è la Fiorentina di Italiano. Nonostante gli attaccanti fatichino a trovare con continuità la via della rete, i Viola si giocheranno le proprie – minime – chances di qualificazione fino alla fine. Grazie ad un’idea di calcio ben precisa, ad un’organizzazione maniacale e alla qualità di diversi calciatori, i tifosi Viola potranno sognare e sperare.