Scossone in Formula 1, si è dimesso

Il fervido ex comandante delle scuderie Tyrrell, Benetton, Renault e Williams, reggeva il timone da un anno: arrivano le dimissioni

Steve Nielsen non detiene più la carica di Direttore Sportivo presso la FIA. Investito dell’incarico nel mese di gennaio dell’anno 2023, con il compito di perfezionare l’arte della gestione delle competizioni, in termini di uniformità e coerenza nelle decisioni adottate (come ad esempio per quanto concerne le sanzioni derivanti dagli incidenti), il britannico ha sciolto il legame con la sua carica in meno di un ciclo solare.

dimissioni che lasciano un vuoto incolmabile
Dimissioni in F1: l’annuncio (foto LaPresse) Sportitalia.it

Secondo quanto è stato riportato dalla Broadcasting Corporation britannica, Nielsen si è trovato nella fastidiosa condizione di essere trascurato: a suo giudizio, la FIA dimostrava un scarso interesse nell’attuare quei mutamenti che egli riteneva essenziali per elevare la supervisione delle corse automobilistiche.

Considerato un devoto seguace del rinomato Domenicali all’interno della Federazione, Nielsen godeva dell’appoggio unanime da parte delle squadre e dei piloti. Tuttavia, tale sostegno si è rivelato insufficiente nel convincerlo a deviare dalla sua attuale linea di azione.

Il cinquantanovenne, secondo le voci che circolavano, avrebbe formalizzato la sua rinuncia presso la FIA lo scorso giovedì, ventuno dicembre, otto giorni dopo le dimissioni della stimata immarcescibile signora Deborah Mayer, custode della commissione femminile.

L’ostracismo nei confronti di Deborah Mayer

Spinta dalla sua passione per gli sport motoristici e dal suo approccio imprenditoriale alla vita lavorativa, Mayer ha sviluppato il progetto Iron Dames, che riecheggia il suo background professionale di essere una delle pochissime donne, guidate da buoni mentori, in un ambiente altamente competitivo ad avere successo.

Sulla base della sua esperienza, Mayer si è impegnata personalmente ad aiutare le donne appassionate e motivate a mettersi alla prova nel mondo percepito molto maschile degli sport motoristici.

le case automobilistiche insorgono furenti
Sgomento fra le varie scuderia in merito a quanto accaduto (foto Ansa) Sportitalia.it

In qualità di Presidente della Commissione FIA Women in Motorsport dal 2022 al 2024, ha intrapreso iniziative globali che non solo hanno aumentato la consapevolezza, ma hanno anche ispirato vocazioni e creato una nuova dinamica contribuendo in modo significativo al progresso dell’uguaglianza di genere.

Tornando a Nielsen, invero, ha dedicato pressoché l’intera sua lunga carriera all’interno del paddock, assolvendo con diligenza i suoi gravosi compiti per illustri scuderie quali Tyrrell, Honda, Arrows, Benetton, Renault e Lotus.

A partire dal 2017, gli è stato concesso l’onore di prestare servizio sotto gli auspici di Ross Brawn e Stefano Domenicali, ricoprendo la carica di Direttore Sportivo della Formula 1.

La sua missione si delineava come un sottile ponte teso tra la Formula 1 e la FIA, due entità già gravate da difficoltà di comunicazione. In questo giorno di congedo, le distanze tra queste istanze sono divenute ancor più marcate.