Il Napoli corteggia Conte, ma Antonio vuole aspettare il Milan

Antonio Conte vuole tornare in Serie A il prossimo anno. Non è più un segreto. Antonio Conte è fermo dalla passata stagione, dopo che aveva lasciato il Tottenham. Dopo la seconda esperienza in Inghilterra, l’allenatore salentino ha deciso di prendersi una stagione e poco più di riposo per stare con la famiglia. L’ex tecnico di Juventus e Inter sta ricaricando le batterie ed è proprio in questo periodo che l’allenatore sta valutando le offerte e le potenziali offerte.

La notizia e l’aggiornamento di queste ore, dato in esclusiva da Sportitalia e da Michele Criscitiello, è che Antonio Conte ha incontrato per la seconda volta il Napoli e, in particolare, Aurelio De Laurentiis.

Il Napoli corteggia Conte, ma…

Secondo quanto riportato da Michele Criscitiello, nei giorni scorsi Antonio Conte avrebbe incontrato il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. Un incontro, il secondo, cordiale per approfondire un’offerta da tre anni del presidente partenopeo. Antonio non ha declinato, ha cortesemente ascoltato DeLa, ha preso tempo e ha chiesto di rivedersi più avanti. Un mezzo no, dopo quello totale di poco meno di due mesi fa a subentrare in corsa.

La realtà, secondo quanto riportato ancora da Michele Criscitiello, è che Conte ha un’idea fissa in testa: tornare a Milano. E questa volta vorrebbe farlo sulla sponda rossonera, dove la posizione di Stefano Pioli è più traballante che mai. Un mese, un mese e mezzo almeno per attendere il Milan, prima di riprendere in mano l’offerta del Napoli oppure prendere in considerazione altre opzioni.
In casa Napoli, Conte è l’obiettivo numero uno perché gli azzurri si vogliono affermare con costanza come quarta big del torneo che ambisce allo Scudetto ogni anno.

Il management del Milan deve decidere

Antonio Conte vuole Milano e vuole il Milan. Tuttavia, dall’altra parte della barricata non c’è stato ancora alcun avvicinamento. Nessun incontro tra le parti. Ma internamente al Milan Antonio Conte è un tema. In casa rossonera infatti ci sarebbero due correnti:

La prima corrente, rappresentata da Zlatan Ibrahimovic e Geoffrey Moncada, vorrebbe Conte. I due dirigenti rossoneri vogliono Conte, vogliono dare il via ai dialoghi convinti di poter prendere “facilmente” Conte, forti della sua volontà di allenare l’ultima big italiana della sua collezione. Ma soprattutto Zlatan e Moncada sono convinti che il salentino possa ricostruire una mentalità vincente, andata persa dopo lo scudetto del 2022.
La seconda corrente di pensiero è invece quella del CEO rossonero, Giorgio Furlani. Il massimo dirigente esecutivo del Milan preferirebbe scegliere un profilo meno “ingombrante” ed emergente: Thiago Motta. Il tecnico del Bologna ancora non ha rinnovato il suo contratto in scadenza a giugno con i felsinei e i suoi risultati parlano per lui.
Serve innanzitutto trovare unità d’intenti tra tutti i vertici del Milan per avviare la trattativa con uno degli allenatori più importanti e pretenziosi del panorama europeo.