Coppa d’Africa, stasera il via: favoriti, gli “italiani” e le stelle del torneo

Comincia oggi la 34^ edizione della Coppa D’Africa. Nella cornice della Costa d’Avorio, le 24 migliori Nazionali del continente africano si sfidano per la corona di campioni. Detentore della Coppa il Senegal che nel gennaio del 2022 ha vinto la sua prima Coppa in Camerun battendo l’Egitto, Re della Coppa, in finale. La partita inaugurale, come sempre accade in queste manifestazioni, sarà anche l’unica della della prima giornata e vedrà protagonista la Costa d’Avorio, padrona di casa, opposta alla modesta Guinea-Bissau: in diretta in esclusiva alle 21 su Sportitalia, così come tutte le 52 partite del torneo.

Coppa d’Africa, gli italiani in campo

I giocatori che militano in Italia, convocati per questa manifestazione sono tanti. Due saranno protagonisti già questa sera nella Costa d’Avorio: Evan Ndicka della Roma e Christian Kouamé della Fiorentina. Nello stesso girone, A, nella Guinea Equatoriale c’è il monzese José Machín. E poi sempre nel gruppo A ecco la Nigeria dove c’è il Campione d’Italia Victor Osimhen, miglior africano nel 2023, Samuel Chukwueze del Milan e Ademola Lookman, tre delle stelle più brillanti della rosa nigeriana. Nessun italiano nella Guinea-Bissau.
Nel raggruppamento B, ecco Capo Verde con un solo rappresentante italiano ovvero Jovane Cabral della Salernitana. Nessun italiano invece nelle tre squadre del girone, Egitto, Mozambico e Ghana.
Nel girone C, il Camerun con il Campione d’Italia Franck Zambo Anguissa alla guida del centrocampo. Nel Gambia, nella Guinea e nel Senegal nessun rappresentante del calcio italiano.

Nel gruppo D, l’Algeria conta su una importante truppa di calciatori della Serie A: Ahmed Touba del Lecce, Houssem Aouar della Roma e Ismaël Bennacer del Milan. Nell’Angola, orfana per scelta personale di Nzola, c’è Zito Luvumbo del Cagliari. Mentre nel Burkina Faso c’è anche un rappresentante della Serie B, Abdoul Guiebre del Modena. Nessun italiano nella Mauritania.
Nel girone, nel Mali c’è Lassana Coulibaly della Salernitana. Nella Tunisia c’è anche il centrocampista del Lecce Hamza Rafia, mentre nessun calciatore del nostro campionato è presente nelle rose di Sudafrica e Namibia.
Infine il gruppo F, dove il Marocco presenta un solo giocatore “italiano”: Oussama El Azzouzi del Bologna. La Repubblica Democratica del Congo, può contare sulle prestazioni di due calciatori della nostra Serie B Brian Bayeye dell’Ascoli e Charles Pickel della Cremonese. Lo Zambia può contare sulla velocità di Lameck Banda del Lecce. Mentre la Tanzania non ha alcun giocatore proveniente dall’Italia.

Le favorite del torneo

In prima fila tra le favorite del Torneo cinque squadre su tutte: l’Egitto di Mohamed Salah 7 volte campione e in cerca di rivincita dopo la bruciante sconfitta di due anni fa. C’è poi il Senegal, con Sadio Manè, leader tecnico indiscusso, che cerca conferme dopo la storica affermazione nella Coppa d’Africa ospitata dal Camerun. E ancora il Marocco, che un anno dopo la semifinale raggiunta al Mondiale, cerca la gloria continentale che gli manca dal 1976. Il CT Regragui peraltro era in campo anche nell’ultima finale del Marocco, persa nel 2004 contro la Tunisia. Il Camerun con tanti ottimi calciatori, ma nessuna vera stella punta come sempre alla vittoria finale. E infine la Nigeria, piena di ottimi calciatori, soprattutto quelli provenienti dalla Serie A.

Più defilate, ma sempre pericolose Costa d’Avorio, in possesso di una rosa di minor livello rispetto agli ultimi anni, l’Algeria che vuole ripetere l’impresa di 4 anni fa, Ghana e Tunisia.