Addio Schumacher: c’è l’annuncio ufficiale

L’addio di Mick Schumacher alla Haas ha fatto rumore a tempo debito. Sulla questione è tornato l’ex team principal Steiner 

La Formula 1 è un mondo che riesce sempre a sorprendere. Nei giorni scorsi è arrivata una dichiarazione ufficiale che ha lasciato tutti senza parole. I tifosi speravano di non dover leggere una notizia simile, ma devono fare i conti con la realtà. Questa notizia riguarda Mick Schumacher e, per questo motivo, ha fatto immediatamente il giro del web in pochissimi minuti. Un passaggio che non è di certo passato inosservato agli occhi dei fan del figlio d’arte e dell’intera famiglia Schumacher.

Günther Steiner: "Ecco perché ho licenziato Schumacher"
Mick Schumacher, il motivo del suo licenziamento alla Haas. Foto: Lapresse (sportitalia.it)

I tifosi stanno commentando l’annuncio dell’ex team principal e la notizia è diventata subito virale. Appassionati tifosi hanno accolto queste parole con grande stupore. Pochi pensavano che i fatti fossero andati proprio in questo modo, ma adesso non c’è più nessun motivo per dubitarne. Si tratta di dichiarazioni ufficiali, e provenienti dalla fonte diretta. Ci ha pensato infatti Gunther Steiner a fare il punto della situazione sulla separazione di fine 2022 tra la Haas e Mick Schumacher. 

Günther Steiner: “Ecco perché ho licenziato Schumacher”

Günther Steiner non è più il team principal della Haas perché i risultati dell’ultima stagione non hanno soddisfatto la proprietà. Sembra che gli obiettivi fossero diversi, ma la scuderia con sede a Banbury, nel Regno Unito, ha avuto diverse difficoltà, anche a causa di un propulsore Ferrari che ha lasciato molto a desiderare quest’anno. Steiner, lasciato definitivamente il team, ha parlato anche del licenziamento di Mick Schumacher e lo ha fatto con parole piuttosto sorprendenti.

Mick Schumacher Mercedes Haas
Mick Schumacher, il motivo del suo licenziamento alla Haas. Foto: Ansa (sportitalia.it)

“Abbiamo solamente deciso che volevamo qualcuno con più esperienza nel team”, ha detto il dirigente altoatesino intervistato agli ‘Autosport International 2024’. Quando è stata presa la decisione di non confermare il figlio del grande Michael Schumacher, la Haas era in difficoltà e il team ha pensato che fosse più opportuno prendere un pilota con qualche anno in più alle spalle, in modo da dare una sterzata all’esperienza in Formula 1 della scuderia americana.

I risultati non sono stati quelli sperati e alla fine Steiner ha pagato anche la decisione di privarsi di un talento come Mick Schumacher, nell’ultima stagione finito sotto contratto con la Mercedes come terzo pilota. Nell’inverno del 2022, quando c’è stata la possibilità di rinnovare Schumacher, la Haas ha deciso di puntare su Nico Hulkenberg, pilota più esperto che ha totalizzato soltanto nove punti al termine della stagione.