Mondo del calcio in lutto: addio ad un’altra icona

Un altro addio scuote il mondo del calcio, la perdita colpisce in particolar modo alcuni campioni che hanno giocato in Serie A

Un nuovo lutto scuote gli sportivi: l’addio a uno dei personaggi sportivi più amati in patria getta nello sconforto alcune grandi stelle del calcio.

Mondo del calcio in lutto: addio ad un'altra icona
Il calcio perde un nuovo big (LaPresse) – sportitalia.it

Il 2024 sta registrando tanti addii, uno su tutti nelle scorse ore ha colpito in particolar modo il calcio sudamericano. Un grande punto di riferimento è scomparso nelle scorse ore, la commozione e il cordoglio non mancano da parte di tanti.

Un personaggio di spicco del calcio sudamericano è morto, lasciando così un grande vuoto in quanti l’hanno conosciuto. Prima da calciatore e poi da scopritore di talenti ha lasciato il segno: il calcio argentino sa di aver perso un grande esperto. All’età di 88 anni è morto Jorge Griffa, ex difensore dell’Atletico Madrid ma soprattutto eccellente scopritore di giovani fenomeni.

Addio a Griffa, ha scoperto tanti bomber: da Batistuta a Tevez

La caratteristica maggiore di Griffa era proprio quella di individuare, sin da giovanissimi, i futuri campioni. Raramente ha sbagliato un colpo e sono stati tanti i prospetti scoperti che hanno brillato con la maglia dell’Argentina e sono arrivati in Serie A. Talento e determinazione erano le parole chiave per scoprire un giovane alla ricerca della ribalta. Griffa ha avuto il merito di lanciare due attaccanti su tutti: Batistuta e Tevez.

Mondo del calcio in lutto: addio ad un'altra icona
Carlos Tevez lanciato da Griffa (LaPresse) – sportitalia.it

La sua carriera da talent scout è riconosciuta così in tutto il Sudamerica, da allenatore delle giovanili del Newell’s Old Boys ha scoperto prima di tutti le qualità di Gabriel Omar Batistuta. Il centravanti fu lanciato da Griffa prima di esser ceduto nell’estate del 1991 alla Fiorentina e avere una carriera splendida tra i professionisti. Non è un caso come sia stato lo stesso Batistuta con un tweet a ringraziarlo per la fiducia accordatagli in passato: “Grazie al maestro Griffa per aver sempre creduto in me, anche quando avevo dei dubbi. Lo porterà per sempre nel mio cuore”.

Un altro grande campione scoperto fu Tevez nelle giovanili del Boca Junior: Griffa trasformò la sua rabbia per una vita non facile in energia da sfruttare in campo. L’ex calciatore ha quindi scoperto due bomber di razza, ma anche tanti altri talenti come Jorge Valdano nonché i centrocampisti Banega e Gago, transitati da Inter e Roma in Serie A. Il calcio sudamericano ha perso così uno dei punti di riferimento, un grande esperto di calcio che – con il suo fiuto – ha fatto crescere l’Argentina e i suoi maggiori campioni.