Djokovic resta senza parole: dopo Sinner un’altra batosta

Novak Djokovic rimane senza parole: non solo la sconfitta contro Jannik Sinner ma arriva un’altra batosta nei confronti dell’atleta serbo 

Un inizio d’anno assolutamente da dimenticare per Novak Djokovic. Il campione 37enne, infatti, ha rimediato la prima delusione di questo 2024. Ed ovviamente il riferimento non può che essere alla sconfitta rimediata alla semifinale dell’Australian Open contro Jannik Sinner. Il nativo di San Candido, successivamente, è diventato il campione battendo anche Medvedev in finale.

Serbia già fuori dalla Coppa Davis
Novak Djokovic rimane senza parole – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Notizie pessime finite qui? Neanche per sogno visto che arriva un’altra batosta per lui. A dire il vero per la sua nazionale, la Serbia, che è già fuori dalla prossima edizione della Coppa Davis. Una sconfitta netta e che non ha bisogno di alcun tipo di presentazione quella che la squadra ha subito contro la Slovacchia: 3-0 e ritorno a casa con l’amaro in bocca.

Il numero uno al mondo non ha partecipato al torneo visto che ha preferito concentrarsi sul riposo dopo aver disputato il torneo australiano. In molti, però, non si aspettavano assolutamente l’eliminazione della nazionale serba dal torneo. Tanto è vero che nella penultima manifestazione uscirono in semifinale proprio contro l’Italia. Ed anche in quella occasione gli azzurri trionfarono.

Djokovic, altra delusione: la sua Serbia è già out dalla Coppa Davis

Niente da fare per Miomir Kecmanovic. Quest’ultimo, dopo essere arrivato addirittura fino agli ottavi di finale a Melbourne, non ha potuto fare nulla contro l’ottimo Lukas Klein, autore di ben 13 ace. E’ piovuto sul bagnato dopo che anche Dusan Lajovic, dopo aver vinto il primo set contro Alex Molcan, ha perso i successivi due. In doppio, però, le cose non sono andate per il verso giusto dopo che si sono rivisti in campo Klein e Kecmanovic, in coppia con Zelenay e Cacic.

Serbia già fuori dalla Coppa Davis
Novak Djokovic rimane senza parole – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Anche in questa occasione c’è stata la sconfitta (7-6 e 6-3). Un Djokovic che ha visto da casa sua la debacle dei suoi compagni di nazionale che nulla hanno potuto contro i modesti slovacchi. La prossima settimana la Serbia scenderà nuovamente in cambio: giocherà, infatti, gli spareggi per non retrocedere dopo lo US Open.

In quella occasione Djokovic non dovrebbe mancare all’appuntamento visto che il suo popolo chiede a gran voce la sua partecipazione per dare una mano all’intero movimento. Una buona occasione per l’Italia, di Sinner e company, pronta a conquistare il suo secondo titolo di fila? Chi lo sa.