Djokovic, il rischio è elevatissimo: non si può affatto escludere

Per Novak Djokovic c’è un grosso rischio da non sottovalutare. Il prossimo impegno in campo sarà decisivo per lui e non solo

La nuova stagione di Novak Djokovic non è partita col piede giusto per i suoi standard. Il serbo puntava a vincere l’Australian Open ma ha trovato in Sinner un degno avversario, tanto che poi è stato quest’ultimo a trionfare nel torneo. L’altoatesino si è reso protagonista di un cammino da sogno a Melbourne e per lui è arrivata la terza vittoria negli ultimi quattro incontri in cui si sono affrontati.

Djokovic, rischio elevato
Djokovic, si mette male: può succedere davvero (LaPresse) – Sportitalia.it

La prima è stata in occasione della fase a gironi delle Atp Finals, al quale è seguita la rivincita di Nole in finale sempre a Torino. Poi, quella del momentaneo 1-1 contro la Serbia in Coppa Davis e infine, per l’appunto, in semifinale dello Slam australiano. In molti hanno considerato questo momento un passaggio di consegne tra chi ha dominato il circuito nell’ultimo ventennio e chi invece potrà farlo nei prossimi anni, così come era successo nella finale della scorsa edizione di Wimbledon dove a spuntarla era stato il 20enne Carlos Alcaraz.

Insomma, non una bella posizione per Djokovic che se vuole restare ai vertici dovrà ancora una volta superare i propri limiti. Come se non bastasse, alla sua situazione si aggiunge quella della sua Nazionale, che adesso corre un serio rischio.

Djokovic, la Serbia rischia grosso: sarebbe una vera e propria batosta

In particolare, il 24 volte campione Slam potrebbe presto mettere da parte il sogno di vincere un’altra Davis con la Serbia, poiché la situazione attuale è più che mai in bilico, soprattutto dopo il difficile sorteggio che è capitato per i turni di spareggio del prossimo settembre.

Djokovic, rischio per la Serbia
Djokovic, per la Serbia sarà dura: il rischio c’è (LaPresse) – Sportitalia.it

Infatti, in quell’occasione, i balcanici sono chiamati alla vittoria nella complicata sfida contro la Grecia di Stefanos Tsitsipas. In palio c’è la permanenza nel World Group per l’anno prossimo che consentirebbe ad una delle due squadre di competere per la conquista dell’insalatiera.

Dunque, da un estremo all’altro per la Nazionale serba che, in caso di sconfitta, passerebbe dalle Finals di Davis dell’anno scorso, dove sono arrivati ad un passo dalla finale venendo eliminata dall’Italia in semi, al Gruppo I della competizione da dove sarebbe costretta a ripartire quasi da zero.

In ogni caso, si preannuncia una grande sfida tra Serbia e Grecia, con Djokovic-Tsitsipas che sarebbe senza alcun dubbio il match più importante. Tra le altre sfide sorteggiate in questi giorni, ci sono poi Kazakistan-Danimarca, Polonia-Corea del Sud e Norvegia-Portogallo.