Bologna, altro giro e altra prova di maturità. E la Juve è a -2

Altro giro, altra corsa. Dopo la sosta per le Nazionali, il Bologna torna in campo e continua a macinare gioco e punti così come accade da inizio stagione. Un’altra vittoria, contro la Salernitana, che proietta i rossoblù a -2 dalla Juventus, confermando un quarto posto pienamente meritato grazie all’elevata qualità di gioco e a una maturità sempre più stabile che il club sta facendo vedere in questa ultima parte di stagione.

Contro la Salernitana non era di sicuro una partita facile. “Abbiamo davanti la Salernitana che si gioca la salvezza, ha cambiato allenatore, troveremo una squadra complicata in campo. Noi dovremo come sempre giocare con grande coraggio”, queste sono state le parole di Thiago Motta ai microfoni di Sky Sport qualche minuto prima dell’inizio della sfida contro la formazione granata. Nulla di più vero, perché confermarsi dopo la sosta per le Nazionali è sempre complicato e perché la Salernitana ha appena cambiato allenatore. I rossoblù hanno fatto ciò in cui sono più bravi: aggressione totale nei pressi dell’area di rigore avversaria, un ritmo impressionante che ha portato a un uno-due che ha indirizzato subito la partita. Motta deve essere soddisfatto perché nonostante una formazione cambiata la filosofia resta sempre la stessa, pregio più importante di questo club che non si snatura mai.

Mancano otto giornate alla fine del campionato e il quarto posto è ben saldo, con la terza posizione in classifica che è lì, a un passo. Il Bologna, di settimana in settimana, continua a dimostrare una maturità da big e come tale deve essere indicata. I rossoblù non sottovalutano alcuna situazione e studiano le diverse fasi della partita nel miglior modo possibile: l’esempio perfetto di come questa squadra non abbia alcuna intenzione di fermarsi, in attesa di un sogno che – giorno dopo giorno – è sempre più vicino.

Impostazioni privacy