F1 nella tempesta, Leclerc scatena il putiferio nel mondiale

Cresce l’incertezza intorno alla stagione di Formula 1. A scatenare il tutto ci ha pensato direttamente il pilota della Ferrari Charles Leclerc: le sue dichiarazioni non sono passate inosservate 

Anche nel Gran Premio di Imola il pilota della Red Bull, Max Verstappen, ci ha messo lo zampino ed ha marcato il territorio. A lui, infatti, la vittoria anche nel weekend in terra nostrana. Sul podio si è vista anche un po’ di Italia con la Ferrari di Charles Leclerc che si è piazzata al terzo posto. Il pilota monegasco è uscito comunque soddisfatto dalla gara dopo aver dato tutto se stesso. Allo stesso tempo, però, ha voluto lasciare alcune dichiarazioni che hanno fatto molto rumore.

I dubbi di Leclerc dopo Imola
I sospetti del pilota della Ferrari, Charles Leclerc – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Crescono quindi i dubbi in casa rossa dopo le parole enigmatiche rilasciate da Leclerc. Nel corso di una intervista che ha concesso ai microfoni di ‘Sky Sport‘ ha rivelato quali sono stati i suoi pensieri e, soprattutto, sospetti. Già perché ha notato un qualcosa di diverso nei motori sia della Red Bull ma anche della McLaren.

F1, Leclerc non ci sta: “Qualcosa di strano nei motori di Red Bull e McLaren”

Nel corso dell’intervista il “predestinato” ha affermato che non poteva fare assolutamente nulla e che si tiene ben stretto il terzo posto. Rimane la fiducia, fermo restando che non può essere del tutto contento del risultato ottenuto domenica. Allo stesso tempo il 26enne ha sollevato dei dubbi non di poco conto per quanto riguarda dei dati che sono emersi dalle analisi della telemetria dei giri veloci nella decisiva Q3 delle qualifiche del sabato.

I dubbi di Leclerc dopo Imola
Max Verstappen e Charles Leclerc dopo il Gran Premio di Imola – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Tanto è vero che ha voluto andare fino in fondo: “A dire il vero non riuscivo affatto a capire il divario che si era accumulato nel primo settore. Riguardando i dati, però, ho notato che c’è stato qualcosa che sia la Red Bull che la stessa McLaren fanno di strano a livello di strategia con il loro motore“.

In conclusione Charles Leclerc ha dunque precisato: “Noi perdevamo tutto nel rettilineo di partenza, mentre in tutte le altre curve siamo stati decisamente molto più veloci oppure in linea con loro“. La giornalista Mara Sacco ha voluto estrapolargli qualcosa di più in merito, ma il pilota ha preferito non entrare nel dettaglio e lasciare tutti con dei dubbi non di poco conto. Intanto la Ferrari si tiene stretto il podio e si pensa già alla prossima uscita.

Impostazioni privacy