MotoGP, ko improvviso: salta la gara, è stato già operato

È arrivata una notizia che spiazza completamente gli amanti della MotoGP: il pilota salterà la gara dopo essersi sottoposto ad una delicata operazione 

Proprio un mese fa la Yamaha Racing aveva annunciato la presenza di Cal Crutchlow in veste di wildcard in tre Gran Premi di questa stagione della MotoGP. La prima di queste, in programma nel GP di Italia (fine maggio ed inizio giugno) non si disputerà. Il pilota inglese sta avendo non pochi problemi alla mano destra. Tanto è vero che si è anche sottoposto ad un delicato ed importante intervento chirurgico.

Crutchlow operato ad una mano
Il pilota salta la gara di MotoGp – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Dopo l’operazione, però, non tutto è andato per il verso giusto visto che sta continuando a riscontrare non poche complicazioni. Le stesse che gli impediranno di correre nella settima gara stagionale. A dire il vero non è arrivata ancora una comunicazione ufficiale in merito al fatto se la wildcard del pilota britannico sarà cancellata oppure solo riprogrammata. Resta ancora da capire se le due restanti (quelle di Misano e Silverstone) si disputeranno in maniera regolare.

MotoGP, sfortuna Crutchlow: ancora dolore alla mano dopo operazione

A questo punto la Yamaha potrebbe anche seriamente pensare per un altro pilota da far correre sulla terza M1. Anche perché resta ancora da capire quali siano i tempi di recupero dell’inglese (ancora del tutto incerti). Lo stesso Crutchlow ha annunciato, con un post pubblicato sui suoi canali ufficiali social, che non prenderà parte del Gran Premio d’Italia a Mugello. Una delusione per i tifosi, appassionati dei motori e soprattutto per lo stesso pilota che ci teneva tantissimo.

Crutchlow operato ad una mano
Niente GP d’Italia per Cal Crutchlow – Sportitalia.it (Foto LaPresse)

Queste sono alcune delle sue dichiarazioni a riguardo: “Purtroppo non sarò in grado di correre a Mugello. Le complicazioni dopo essermi sottoposto ad operazione alla mano destra mi hanno costretto a prendere questa difficile decisione. È frustrante, soprattutto per il team che contava su di me per testare nuovi sviluppi sulla M1 e raccogliere dati preziosi”.

Nel frattempo sono arrivate anche considerazioni da parte di un portavoce del suo team: “Cal sarebbe stato una risorsa preziosa per noi a Mugello. Avevamo varie innovazioni da testare. Ora dobbiamo nuovamente ripensare alle prossime mosse“. Allo stesso tempo, però, il nativo di Coventry non ha alcuna intenzione di gettare la spugna e spera di recuperare per il resto della stagione. Obiettivo, quindi, quello di essere in pista a Silverstone e Misano Adriatico.

Impostazioni privacy