Fiorentina, termina il ciclo di Italiano senza l’acuto più pregiato

Con un successo sul campo dell’Atalanta, la Fiorentina ha terminato il ciclo con il condottiero Vincenzo Italiano. Tre stagioni, tutto sommato, di buon livello, considerando che la viola è tornata a competere per le posizioni che le competono nella classifica della Serie A. Se guardiamo i numeri possiamo esplorare un 7° posto al primo anno, poi due ottavi valsi l’accesso alla Conference League.

E’ mancato l’acuto più pregiato, quello del successo, ricordando le due finali di Conference League perse e quella di Coppa Italia in cui la banda di Italiano aveva giocato bene contro l’Inter, senza riuscire però ad alzare la coppa. 162 panchine dopo, Firenze e Italiano si dicono addio: tanti passi in avanti sul piano del gioco, è mancato solo il guizzo più pregiato.

Impostazioni privacy