Valentino Rossi pronto per il grande salto: “Il mio futuro è già scritto”

912

Valentino Rossi pronto per il grande salto. La prima giornata di prove a Misano non è andata benissimo ma “il mio futuro è già scritto”

Non sarà la sua ultima volta a Misano, che per Valentino Rossi è davvero il Gran Premio di casa, perché il Motomondiale tornerà qui tra meno di un mese. Ma comunque il GP di San Marino e della Riviera di Rimini, quint’ultima gara della stagione, ha un sapore speciale per il nove volte campione del mondo.

(Getty Images)

La prima giornata di Libere rispecchia quanto visto per tutta la stagione, con la sua Yamaha Petronas un po’ meglio al pomeriggio sul bagnato. Ma tanto ormai la sua decisione di smettere a fine stagione non cambierebbe nemmeno con un podio in Riviera, perché i programmi per il 2022 sono molto chiari.

Il mio futuro è già scritto – ha detto Rossi in esclusiva a Sky Sport – e sta andando bene. Ho ricevuto diverse offerte interessanti e devo ancora decidere il Campionato nel quale correrò. Penso comunque all’Endurance, con le macchine da GT, ci sto lavorando. E poi avere un figlio era sempre nei pensieri, ma pensavo che non arrivasse subito. Credevo di prendermi ancora un po’ di tempo, ma non importa. L’importante è che succeda a breve”.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> MotoGP, un ex Yamaha stronca Vinales: “E debole mentalmente”

Valentino Rossi pronto per il grande salto: ecco quello che farà dal prossimo anno

Valentino Rossi ha confessato che il primo pensiero di smettere gli è venuto dopo l’appuntamento con il GP d’Italia al Mugello nel 2019 e poi il Covid ha accelerato il processo. “Sono uscito dalla bolla creata a Tavullia e mi sono accorto che intorno c’era anche altro. Ho sempre avuto una vita normale, me la sono scelta e ho lavorato per mantenerla”.

Valentino Rossi (Getty Images)

Smettere sarà un dispiacere, ma si è reso conto di non essere competitivo come vorrebbe e quindi va bene così’ anche se darà il massimo fino a Valencia. Poi vivrà le gare da ex facendo il tifo per i piloti italiani, alcuni dei quali ha contribuito a far crescere lui: “Ce ne sono tanti e forti, soprattutto pronti per vincere il titolo iridato”.