Barcellona nel caos, Koeman vicino all’addio: c’è un italiano in ballo

224

Barcellona nel caos, Koeman vicino all’addio: oggi il club prenderà una decisione definitiva, c’è un italiano in ballo

Barcellona nel caos (Getty Images)

Chiamate Barcellona 3-0 3-0. Parafrasando il titolo di ua celebre trasmissione radiofonica, la seconda sconfitta di fila con lo steso punteggio pesante in Champions League per i blaugrana costerà sicuramente la panchina a Ronald Koeman. Contro il Bayern Monaco la differenza di valori era stata netta, ma è successo anche in casa del Benfica e il club non può più aspettare.

L’unica mossa azzeccata dal tecnico olandese è stata quella di sostituire Piqué prima che fosse cacciato, anche se Orsato usando lo stesso metro di Cakir con Kessié avrebbe dovuto farlo. Per il resto il Barcellona è in confusione totale e il destino del tecnico è ormai segnato.

Lui alla fine della partita, intervistato dal ‘Mundo Deportivo’, ha detto di voler tenere duro: “In questo momento mi sento supportato dai giocatori, dal club non lo so. Ma non posso dire nulla, non so quello che pensa la dirigenza al riguardo. Il colpevole è sempre l’allenatore, dobbiamo anche chiedere di più ai calciatori”.

Gerard Piqué (Getty Images)

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Copa Libertadores, la finale è di nuovo tutta brasiliana: a suon di gol

Barcellona nel caos, Koeman vicino all’addio: tutti i nomi per sostituirlo

Quello che pensa il club su Koeman  lo scopriremo questa mattina. Joan Laporta, numero uno dei catalani, riunirà il direttivo e insieme decideranno i prossimi passi. Nessuno però ha dubbi sul fatto che il futuro dell’allenatore olandese sarà da un’altra parte, anche per dare una scossa alla squadra.

Andrea Pirlo
(Getty Images)

Un nome che piace molto al presidente Laporta è quello di Andrea Pirlo, a piedi dopoo essere stato scaricato dalla Juventus. Ma in pole resta una bandiera del recente passato come Xavi, il nome giurto anche per accontentare i tifosi inferociti. “Ho detto no al Barcellona due volte, per circostanze familiari, professionali o contrattuali”, diceva lui a ‘La Vanguardia’ lo scorso giugno. Questa volta però la risposta potrebbe essere diversa.