Australian Open 2022, decisione storica: non era mai successo

167

Australian Open 2022, decisione storica da parte degli organizzatori: non era ancora mai successo nel primo Slam dell’anno

Come sempre, la grande stagione del tennis si aprirà a Melbourne: ma diversamente da sempre, gli Australian Open 2022 promettono di essere storici per mille motivi. Il primo, legato ai tempi che sta vivendo tutta l’umanità, sono legati alle decisioni degli organizzatori.

(Getty Images)

Nello stato di Victoria, del quale Melbourne è la capitale, infatti saranno ammesse soltanto le persone vaccinate contro il Covid-19 e varrà per tutti a cominciare dai tennisti. Lo ha confermato il premier australiano, Dan Andrews: “Tutti i lavoratori che arriveranno a Melbourne dovranno ricevere la prima dose entro il 15 ottobre e la seconda non più tardi del 25 novembre. Il vaccino è la migliore protezione per tutti.

Una richiesta che molti professionisti avevano avanzato nelle ultime settimane, a cominciare dallo scozzese Andy Murray. Nel corso dello US Open aveva lamentato il fatto che i suoi colleghi vaccinati fossero ancora pochi ed era entrato in polemica con Stefanos Tsitsipas. Il campione greco infatti aveva dichiarato di non volersi sottoporre al vaccino a meno che non fosse diventato obbligatorio. Ora per gli Australian Open lo sarà e anche lui dovrà adeguarsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nadal, che proposta a Federer: la risposta di Roger esalta i fan

Australian Open 2022, decisione storica: cambiano anche le qualificazioni

Ma non sarà questa l’unica novità in vista per gli Australian Open 2022 a Melbourne. Non c’è ancora la conferma ufficiale, ma pare che anche per la prossima edizione del torneo le qualificazioni per i due tabellini saranno giocate all’estero. Era già successo nella passata edizione, succederà di nuovo.

Novak Djokovic
Novak Djokovic (Getty Images)

Le due location scelte dovrebbero essere ancora una volta Dubai per le donne e Abu Dhabi per gli uomini attorno a Natale. In quel modo, tutti i partecipanti potranno affrontare la quarantena necessaria per entrare poi in Australia ed essere al via regolarmente del torneo principale.