Antonio Conte, vicino il ritorno in panchina: svolta attesa a breve! Il tecnico salentino non vede l’ora di sposare un nuovo progetto

Antonio Conte
Antonio Conte (Foto: Getty)

Il periodo sabbatico di Antonio Conte potrebbe terminare a breve. L’ex allenatore dell’Inter è impegnato come commentatore per Sky Sport e si sta godendo un po’ di riposo dopo la vittoria del campionato con i nerazzurri. La sua voglia di lavorare, però, lo spinge sempre a guardarsi intorno, in attesa di poter sposare un progetto davvero interessante. Alcune proposte gli sono arrivate sul piatto in questi giorni (non il Barcellona come paventato da più parti), ma nessuna degna di vera attenzione. Una svolta potrebbe arrivare dalla Premier League, con il cambio societario del Newcastle, prossimo a finire in mano ad un fondo saudita. Per i ‘Magpies‘ quella che sta arrivando potrebbe essere finalmente la pagina più bella della propria storia.

LEGGI ANCHE >>> Roma, clamorosa novità dell’ultim’ora: c’è un addio a sorpresa

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, colpo a sorpresa per l’attacco: tifosi spiazzati!

Antonio Conte, vicino il ritorno in panchina: il Newcastle della nuova proprietà saudita pensa a lui

Newcastle United
La panchina del Newcastle United con l’allenatore Steve Bruce (Foto: Getty)

Il principe arabo, Mohamed bin Salman, ha messo sul piatto 350 milioni di euro per rilevare il club dalle mani di Mike Ashley e a giorni verrà ratificato l’accordo. Gli inglesi puntano a diventare una delle squadre più importanti in Premier League (attualmente sono relegati al penultimo posto in classifica) e in Europa. Sulla strada tracciata da Manchester City e Chelsea (squadre senza un passato glorioso alle spalle), i bianconeri sono intenzionati a crescere di livello.

Per farlo si parla già di affidare la panchina proprio a Conte, con investimenti faraonici a disposizione sul mercato. Il Daily Mail scrive di chance concreta e il tecnico leccese, già impegnato nel Regno Unito con i ‘Blues‘ per due stagioni, non avrebbe remore ad accettare. Chissà che non sia la carta giusta da giocarsi per tornare nel gotha del calcio continentale.