Formula 1, Carlos Sainz lancia l’allarme: “Sarà dura per tutti”

469

Formula 1, Carlos Sainz lancia l’allarme: “Sarà dura per tutti”. Il ferrarista guarda al presente e ad un futuro pieno di dubbi

Tutta l’attenzione degli appassionati di Formula 1 al momento è concentrata sulla sfida tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Ma c’è già chi guarda alla prossima stagione, quella che per tutti sarà un grosso punto interrogativo. Le monoposto cambieranno totalmente, i piloti non hanno ancora potuto provare nulla se non al simulatore, sulla carta tutti partiranno dallo stesso piano.

(Getty Images)

Incognite che ha sottolineato anche Carlos Sainz, intervistato dalla rivista ‘Autosport’ negli ultimi giorni: “La stagione che verrà sarà dura per tutti, non è un segreto che si annuncia come l’annata più ardua nell’intera storia della F1. Come piloti dovremo necessariamente adattarci per mantenerci ad alti livelli nel corso di tutto il mondiale. Dovremo gestirci per arrivare freschi a fine stagione resistendo anche alle lunghe trasferte che affronteremo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> F1 GP USA qualifiche, Max Verstappen, pole position in extremis

Formula 1, Carlos Sainz lancia l’allarme:  trasferimenti ravvicinati, per i piloti e i team è un problema

Il calendario 2022 è già fatto, ci saranno 23 gare in giro per il mondo concentrate in soli otto mesi e con poche pause. Una prima prova, i piloti la affronteranno adesso, con il trittico tra Nord e Sudamerica prima del trasferimento in Oriente che chiuderà la stagione.

(Getty Images)

Sainz, come molti piloti, avrebbe voluto che tra Austin e Città del Messico passasse solo una settimana, ma per le norme Covid non sarà possibile. E questo costringerà a volare subito dal Brasile al Qatar. “Non ho alcun problema sull’ordine delle gare, ma penso che non sia molto efficiente il sistema di gestione degli eventi. Sappiamo tutti che la pandemia ha costretto ad affrontare alcuni compromessi in termini di organizzazione. Ma spero davvero che queste cose non si verifichino per l’anno prossimo”