Ciclismo, la ciclista Desiet Kidane muore in un incidente

253

Tragedia stradale ad Asmara, Desiet Kidane, 21 anni, brillante talento del ciclismo femminile, è morta tragicamente investita da un’auto durante un allenamento

Desiet Kidane
Desiet Kidane, la ciclista eritrea scomparsa a soli 21 anni

Caparbia, ostinata, ma anche straordinariamente talentuosa: così la descrivono il suo allenatore e le sue compagne di squadra. Il suo sogno era quello di venire a vivere in Italia per allenarsi e crescere ancora, magari per allenarsi con una delle nostre squadre professionistiche.

Ciclismo, la morte di Desiet Kidane

I sogni di Desiet Kidane, 21 anni, si sono frantumati ieri mattina durante un allenamento su strada ad Asmara, non lontano da casa sua. Desiet era una ciclista professionista, uno dei migliori talenti espressi da un continente come quello africano, in piena ascesa da un punto di vista tecnico e di risultati.

Inserita nel programma di sviluppo World Cycling Center dell’UCI, Desiet si era messa in luce nei campionati mondiali juniores fin dal 2018. Aveva vinto la gara su strada e quella a cronometro all’African Continental Championship di Kigali in Rwanda. Ma la vera impresa l’aveva compiuta ai campionati mondiali di Innsbruck del 2018 arrivando 22esima assoluta.

LEGGI ANCHE >  I funerali di Agnes Tirop: “Il Kenya piange una grande guerriera”

Una triste tragedia

Desiet si allenava costantemente in Europa, in particolare in Francia e in Belgio continuando ad ottenere ottimi risultati e splendidi piazzamenti rappresentando l’Eritrea ai Mondiali. Di fatto era il miglior talento ciclistico africano femminile.

Lunedì mattina era uscita di casa molto presto per un allenamento su strada, aveva in programma un’uscita di circa 80 chilometri. Le circostanze dell’incidente non sono ancora state completamente chiarite. Dalle poche informazioni diffuse dalla polizia dell’Asmara sembra che la ragazza sia stata investita da un’auto a un incrocio. I soccorsi sono stati tempestivi ma Desiet è arrivata in ospedale ormai priva di vita.

L’UCI ha postato un messaggio di condoglianze per una ciclista che da ormai tre anni faceva parte del programma di sviluppo della federazione internazionale.